Sorpreso a rubare prende a calci un agente

Un 35enne sassarese è stato arrestato dalla polizia di Stato per furto aggravato È stato fermato mentre saltava la recinzione di una azienda a Predda Niedda

SASSARI. Per guadagnarsi la fuga ed evitare l’arresto non ha esitato a scagliarsi contro i poliziotti che gli avevano intimato l’alt. E ha reagito con violenza colpendo uno degli agenti della sezione volanti della questura di Sassari con calci al volto. Alla fine, il 35enne sassarese è stato immobilizzato e arrestato con l’accusa di furto aggravato e lesioni e resistenza a pubblico ufficiale.

L’episodio si è verificato nella tarda serata di domenica a Predda Niedda, dove ormai da diversi giorni la polizia di Stato ha intensificato l’attività di controllo e di vigilanza per scongiurare i furto che nell’ultimo periodo sono aumentati.

L’intervento degli agenti di una volante è scattato intorno alle 21.30, quando i poliziotti hanno ricevuto dalla centrale operativa del 113 (che aveva appena raccolto la segnalazione di un cittadino) l’indicazione che una persona era stata notata all’interno di una attività commerciale della zona industriale di Predda Niedda (in quel momento chiusa). Gli agenti, giunti sul posto, hanno subito individuato la persona che, dalla parte posteriore dell’edificio e con la refurtiva a seguito, stava cercando di scavalcare un muretto di recinzione che delimita l’attività commerciale.

L’uomo, nonostante i poliziotti gli avessero intimato di fermarsi, ha comunque cercato di allontanarsi, tanto che per guadagnare la fuga ha sferrato due calci in pieno volto ad uno degli agenti. I due poliziotti - mostrando grande professionalità in una situazione particolarmente delicata - sono comunque riusciti a immobilizzarlo e a recuperare la refurtiva.

A seguito della perquisizione personale, estesa anche all’auto del 35enne (che dagli accertamenti eseguiti è risultato avere dei precedenti specifici), gli agenti hanno recuperato vario materiale di abbigliamento per bambino, accessori di vario genere tra cui anche un decespugliatore, per un valore complessivo di circa 1700 euro.

Il 35enne è stato accompagnato negli uffici della questura e - una volta espletate le formalità - dichiarato in arresto. É stato quindi rinchiuso nelle camere di sicurezza in attesa dell’udienza di convalida davanti ai giudici del Tribunale di Sassari nel corso della quale è stato confermato il provvedimento attuato dagli agenti che hanno eseguito l’operazione.

Proprio nell’ultimo periodo - a seguito i diverse segnalazioni di furti in aziende - la polizia di Stato ha pianificato una attività di controllo per cercare di arginare il fenomeno. Ed è proprio in uno dei giri di controllo che è stato possibile intercettare il 35enne che probabilmente aveva intenzione di proseguire il suo “giro” visitando anche altre attività commerciali della zona. (cr.sas.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes