L’Istituto “Segni” apre le porte ai libri

Ozieri anche quest’anno ha aderito all’iniziativa nazionale #Ioleggoperché

OZIERI. Anche quest’anno l’Istituto di Istruzione Superiore “A. Segni” di Ozieri ha aderito alla campagna #Ioleggoperché, organizzata su tutto il territorio nazionale dall’Associazione Italiana Editori e sostenuta dal Ministero dei Beni e le Attività Culturali e per il Turismo in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione.

Si tratta della più grande raccolta di libri finalizzata alla promozione della lettura attraverso l’arricchimento del patrimonio librario a disposizione degli studenti nelle biblioteche scolastica di tutta l’Italia e con una circolare il dirigente Andrea Nieddu ha comunicato gli estremi dell’iniziativa a studenti e genitori in modo che si possa ripetere il successo di donazioni dell’anno scorso. Fino a domenica prossima chiunque vorrà donare un libro alla biblioteca dell’Istituto ozierese ed anche a quelle delle sedi staccate di Bono e Pozzomaggiore potrà farlo rivolgendosi alla librerie Booklet e I Portici di Ozieri, Libreria Usai di Bono, Max 88 e Koinè Ubik di Sassari, Mieleamaro e Novecento di Nuoro, Il Labirinto – Mondadori Bookstore di Alghero e Per Filo e Per Segno di Olbia. «L’iniziativa, al di là delle date indicate, intende sensibilizzare alla collaborazione nel rinnovamento del patrimonio librario delle biblioteche scolastiche – ha detto Nieddu – a beneficio di tutti gli studenti. Ritengo che sia importante, pertanto, donare in qualsiasi momento dell’anno». Nella scorsa edizione - la prima in assoluto per il Segni – l’evento ha portato in sede una settantina di nuovi libri ottenuti grazie alle donazioni dei cittadini e al contributo degli editori ma l’Istituto sarà impegnato sempre nel campo della lettura anche in altre importanti iniziative. Per i centocinquant'anni dalla nascita di Grazia Deledda, alcuni studenti saranno impegnati nella lettura di novelle per la produzione di audioletture che saranno pubblicate sul sito della scuola.

A breve, inoltre, due ragazzi della quinta Liceo Classico avvieranno un percorso PCTO (ex alternanza scuola-lavoro) come donatori di voce per l'iniziativa del "Libro parlato" del club Lions di Verbania, in Piemonte che, da oltre quarant’anni, mette a disposizione la propria audioteca di libri registrati dalla voce di lettori volontari per tutti quegli utenti che non possono leggere autonomamente: ciechi, ipovedenti, persone anziane con difficoltà di lettura, disabili fisici e psichici, pazienti ospedalizzati, dislessici, autistici, ammalati di SLA, Sclerosi Multipla e Alzheimer.

Francesco Squintu

WsStaticBoxes WsStaticBoxes