Il Consiglio: ok al debito con Abbanoa

La cifra dovuta al gestore del servizio idrico integrato ammonta a 600mila euro

PORTO TORRES. Il consiglio comunale ha approvato a maggioranza il riconoscimento di debito fuori bilancio di quasi 600mila euro a favore della società Abbanoa Spa. Una cifra dovuta al gestore del servizio idrico integrato – costituito dall’insieme dei servizi pubblici di acquedotto, fognature e depurazione organizzati – per la fornitura di acqua potabile per fare fronte alle esigenze di ordine sanitario della popolazione relativamente agli anni che vanno dal 2014 al 2019. L’amministrazione comunale sta comunque interloquendo costantemente con il gestore idrico per verificare se la quota dovuta è stata stabilita da Abbanoa in relazione agli accertamenti relativi all’effettivo espletamento della fornitura o prestazione di acqua potabile, avvenuta però in assenza dei misuratori negli stabili comunali e pertanto in misura forfettaria.

Il Comune intende in ogni caso risolvere con la società Abbanoa tutti i problemi che si sono accumulati negli anni precedenti e che non pochi disservizi hanno creato alla cittadinanza. «I due enti stanno dialogando per risolvere e chiarire tutti gli aspetti che hanno portato a questa situazione – assicura l’assessore al Patrimonio Alessandro Carta –, definendo i passi necessari per chiudere una questione che ha portato il Comune ad accantonare ogni anno risorse importanti. Stesso approccio positivo ci si aspetta però da Abbanoa sia per quanto riguarda il servizio idrico all'Asinara che il posizionamento dei contatori nelle utenze di Porto Torres». (g.m.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes