La Nuova Sardegna

Sassari

Violenza

Sassari, insulti e minacce all’arbitro nella partita Latte Dolce-Alghero: daspo a due genitori e a un giocatore 14enne

Sassari, insulti e minacce all’arbitro nella partita Latte Dolce-Alghero: daspo a due genitori e a un giocatore 14enne

Il questore ha emesso il divieto di due anni di avvicinarsi agli stadi per il sassarese che diede il via al gravissimo episodio del 23 ottobre, di un anno per il figlio e per un altro genitore di Porto Torres

26 novembre 2022
2 MINUTI DI LETTURA





Sassari Il Questore di Sassari ha emesso tre Daspo tra i quali uno nei confronti di un 14enne, ritenuti responsabili dei disordini verificatisi in via Leoncavallo, lo scorso 23 ottobre vicino al campo sportivo, durante l'incontro di calcio tra la A.S.D. Academy Latte Dolce e l'Alghero Calcio, valevole per il campionato "Allievi Regionali U17". I provvedimenti sono stati emessi nei confronti di un sassarese già noto alle forze di polizia, per la durata di due anni, nei confronti del figlio, un giovane atleta tesserato con la categoria "Giovanissimi" di una delle squadre in gara, per la durata di un anno, e nei confronti di un cittadino residente a Porto Torres, con alcuni precedenti di polizia, genitore di uno degli atleti.

In particolare, durante la partita, uno degli spettatori, genitore di uno dei giovani atleti in gara, aveva iniziato ad insultare e minacciare pesantemente l'arbitro per presunti errori nella direzione dell'incontro, preannunciando che lo avrebbe aggredito al termine della partita. L'uomo aveva poi affrontato un osservatore dell'associazione italiana arbitri, anch'egli tra gli spalti, che, a tutela del direttore di gara, aveva effettuato alcune foto per documentare l'accaduto. In questa occasione lo aveva minacciato e strattonato, quasi facendogli perdere l'equilibrio, esponendolo al rischio di una rovinosa caduta dalle gradinate, tentando inoltre di impossessarsi del suo cellulare col quale erano stati effettuati gli scatti. L'osservatore, nel tentativo di allontanarsi, era stato subito raggiunto ed accerchiato all'esterno dell'impianto da una quindicina di tifosi, uno dei quali ha tentato di colpirlo.

Il gruppo si era poi allontanato poco prima dell'intervento della Polizia che ha identificato i responsabili dei disordini a seguito delle indagini svolte dai poliziotti della Digos e della Divisione Polizia Anticrimine della Questura. (Ansa).

In Primo Piano
L’isola a secco

Dramma siccità, a Budoni «caccia alle streghe» verso chi usa l'acqua

di Paolo Ardovino
Le nostre iniziative