La Nuova Sardegna

Sassari

Polizia

Sassari, colpisce il rivale con un martello: arrestato

Sassari, colpisce il rivale con un martello: arrestato

Un 43enne in carcere. Agli agenti: «Mi voleva aggredire e mi sono difeso»

08 settembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Sassari Alla polizia intervenuta mercoledì in viale Porto Torres su richiesta degli operatori del 118 ha detto di essersi soltanto difeso: «Mi sono sentito minacciato da quell’uomo del Ciad e allora l’ho colpito». Ma per “difendersi” Costantin Liciu, romeno di 43 anni, avrebbe usato un attrezzo pesante e pericoloso, un “maleppeggio” (una sorta di piccolo piccone). Avrebbe quindi colpito la vittima spaccandole la gamba all’altezza della tibia, con tanta forza da far fuoriuscire l’osso.

Tutto è accaduto in una casa diroccata dove Liciu vive insieme alla compagna. Ma nello stesso edificio, in un’altra ala, vive anche l’altro uomo con il quale mercoledì ci sarebbe stata una brutta lite. Discussione sfociata in una violenza inaudita. Le urla di dolore del rivale hanno convinto la compagna del 43enne a chiamare il 118. Il ferito è stato trasportato in ospedale per essere sottoposto ai necessari accertamenti che hanno rilevato la frattura esposta della tibia con lacerazione dei tessuti. I medici gli hanno assegnato sessanta giorni di cure.

Dal 118 è partita la segnalazione al 113 e dopo poco una pattuglia delle volanti era sul posto, nello stabile abbandonato di viale Porto Torres, luogo di ritrovo e dormitorio per senzatetto. Dopo aver fatto un primo sopralluogo e sentito le testimonianze gli agenti hanno arrestato il romeno e lo hanno accompagnato in questura.

Ieri mattina, davanti al giudice Giancosimo Mura si è tenuta l’udienza di convalida, l’arresto è stato convalidato e il giudice – così come aveva richiesto lo stesso pm – ha disposto per Costantin Liciu la custodia cautelare in carcere con l’accusa di lesioni dolose aggravate (dall’uso di “un mezzo insidioso”).

L’avvocato difensore Nicola Ribichesu aveva invece sollecitato una misura più blanda – l’obbligo di firma – in considerazione del fatto che il 43enne non ha precedenti penali, è facilmente reperibile ed è una persona conosciuta dalle forze dell’ordine ma anche da tanti cittadini che più di una volta lo hanno visto stazionare e chiedere l’elemosina vicino a Santa Maria. Il legale ha chiesto i termini a difesa e il giudice Mura ha rinviato al 7 novembre per la scelta del rito. (na.co.)



In Primo Piano
Nel porto

Santa Teresa, nuovo stop per la Giraglia: raggiungere la Corsica è un’odissea

di Marco Bittau
Le nostre iniziative