La Nuova Sardegna

Sassari

Peste suina

Caccia al cinghiale al via, l’Asl di Sassari informa i cacciatori sulle nuove norme


	Due cacciatori nelle campagne dell'isola
Due cacciatori nelle campagne dell'isola

La stagione venatoria comincerà domani 1 novembre

31 ottobre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Sassari La nuova stagione della caccia al cinghiale prenderà il via domani, mercoledì 1 novembre. In vista dell’apertura, la Asl di Sassari informa così i cacciatori e le associazioni di categoria sulle nuove regole introdotte dal provvedimento della Commissione europea, che ha dichiarato eradicato il virus della Peste suina africana nella popolazione selvatica dell’isola, andando quindi a eliminare quasi tutte le restrizioni dell’attività venatoria.

«In seguito al provvedimento della Commissione europea – spiegano dall’Asl –, l’Unità di Progetto ha adottato una determina che autorizza la caccia al cinghiale in tutta la Regione. Nella gran parte del territorio regionale la caccia sarà svolta in zona libera da vincoli per la Peste suina africana. Con le nuove disposizioni permangono delle restrizioni nella zona III che ricade in alcuni Comuni del Nuorese e dell’Ogliastra e alcune limitazioni nella zona cuscinetto, definite Zona I. Per quanto riguarda la Provincia di Sassari, la zona I interessa una parte del Goceano: Illorai, Bono, Bottida, Burgos, Esporlatu e Benetutti».

A eccezione di tali zone, nel resto della Sardegna i cacciatori non dovranno dunque più conservare il sangue e stoccare le carcasse degli animali, ma dovranno semplicemente consegnare un campione di milza per la ricerca del virus fino al raggiungimento del numero programmato su base comunale e un campione di diaframma per la ricerca della Trichinella.

«Questo importante risultato – proseguono dall’Asl –  è stato raggiunto grazie al lavoro, partito nel 2015, svolto in Sardegna dall’Unità di progetto e che ha visto in azione il personale di tutti i servizi veterinari dell’Istituto zooprofilattico e la preziosa collaborazione del corpo forestale e di vigilanza ambientale. In questa fondamentale attività di sorveglianza i cacciatori e loro associazioni si sono dimostrati dei formidabili alleati nella lotta al virus».

Per informazioni è possibile contattare il Servizio di Sanità animale della Asl di Sassari inviando una mail all’indirizzo sc.sanitaanimale@aslsassari.it oppure telefonando al numero 079.2062813.

In Primo Piano
Rapina

Assalto a un portavalori sulla statale 125 per Tertenia: sparatoria e veicoli incendiati

di Gian Carlo Bulla
Le nostre iniziative