La Nuova Sardegna

Sassari

Ambiente

Asinara, il Parco candidato a ospitare Europarc 2025

di Gavino Masia
Una barca a vela nelle acque del Parco dell'Asinara
Una barca a vela nelle acque del Parco dell'Asinara

Martedì il forum sul turismo sostenibile

18 novembre 2023
3 MINUTI DI LETTURA





Porto Torres La Federparchi e il ministero dell’Ambiente hanno deciso di candidare l’Ente Parco Asinara per l’organizzazione del prossimo congresso internazionale Europarc del 2025. I rappresentanti di oltre 400 aree protette di tutta Europa potrebbero così arrivare nella città di Porto Torres con il coinvolgimento degli altri comuni del golfo.

L’ufficialità è stata definita nei giorni scorsi durante due incontri presso il ministero dell’Ambiente e la sede di Ferderparchi, a Roma, dove erano presenti il commissario straordinario del Parco Gian Carlo Muntoni e il direttore Vittorio Gazale, il direttore di Federparchi Francesco Carlucci, il direttore generale del Ministero Oliviero Montanaro e il responsabile della Carta europea Corrado Teofili.

Martedì alle 9.30, intanto, nella sede del Parco dell’Asinara, in via Ponte Romano, è in programma il Forum permanente della Carta europea del turismo sostenibile. Una riunione che assume un ruolo importante anche per fare una verifica sulla capacità di ospitare un evento di questa importanza quale è appunto Europarc.

Diverse le novità che verranno condivise tra i sindaci dei comuni dell’area Cets, ad iniziare da quello di Porto Torres Massimo Mulas e dall’amministratore della provincia di Sassari Pietro Fois, che insieme agli altri enti pubblici – l’università, le associazioni e gli operatori economici dell’area vasta del Parco – faranno il punto sulle attività in atto.

Tante idee e tante iniziative che trovano un percorso comune e che vede al centro la realtà dell’isola dell’Asinara e tutto il suo golfo. L’incontro, che verrà trasmesso anche in diretta web sui canali social del Parco, sarà inoltre l’occasione per analizzare il Piano delle azioni Cets che ormai giunge al suo quinto anno e quindi alla sua conclusione. L’economista Marco Vannini, dell’Università di Sassari, farà un focus sulla situazione dei flussi di visitatori di questi anni che hanno interessato l’area nord della Sardegna.

A seguire si cercherà di individuare i nuovi obiettivi strategici per il rinnovo della Carta: aumentare il dialogo tra gli enti pubblici e il loro coinvolgimento in azioni di promozione e miglioramento dei servizi; fare aderire al territorio Cets, oltre ai comuni di Porto Torres, Stintino e Castelsardo, anche quelli di Sassari, Sorso, Sennori e Valledoria; aumentare la collaborazione tra gli operatori delle aree protette vicine all’Asinara, come i parchi di Porto Conte e di La Maddalena che saranno presenti con i direttori Mariano Mariani e Giulio Plastina.

Altri obiettivi della Cets sono la condivisione di alcune azioni strategiche con il Flag Nord Sardegna, con il presidente Benedetto Sechi, e le proposte di iniziative turistiche per i mesi non estivi, ponendo l’Asinara al centro di una proposta che punti alla scoperta di un territorio più ampio, incrementando i collegamenti verso gli aeroporti e i porti e coinvolgendo gli operatori privati. La referente del Parco nazionale Appenino tosco emiliano, Chiara Viappiani, racconterà dell’esperienza della Carta europea.

In Primo Piano
Caos trasporti

Crash informatico: ecco che cosa sta succedendo negli aeroporti della Sardegna

di Salvatore Santoni

Video

L'avvocato Gianfranco Piscitelli: «Ecco come è stato occultato il cadavere di Francesca Deidda»

Le nostre iniziative