La Nuova Sardegna

Sassari

Il lutto

Sassari, addio a Mario Agnesa il “maestro” dei Candelieri

Sassari, addio a Mario Agnesa il “maestro” dei Candelieri

Simbolo della sassareseria più autentica, è stato portatore nel gremio dei Viandanti e capo candeliere nel gremio dei Massai

22 febbraio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Sassari La grande famiglia dei Candelieri, il cuore pulsante della città, perde uno dei suoi interpreti più conosciuti: è venuto a mancare all’età di 77 anni Mario Agnesa, per tutti “zio Mario”, protagonista di tantissime discese con il gremio dei Viandanti, come portatore, e con quello dei Massai, dove aveva seguito il fratello Nino ed era diventato capo candeliere.

 «Mario ha creato uno stile tutto suo nel guidare quella “danza sacra” facendogli meritare l’appellativo di “maestro”. Ha concluso la sua esperienza con i Massai nel 2008 quando venne sostituito in un rimpasto della squadra. Aveva sofferto per questo, sentiva in sé ancora tanta forza da donare _ è il ricordo che Christian Zedda, segretario del gremio dei Viandanti, ha affidato ai social mendia _. Nel frattempo, comunque, i rapporti con i Viandanti erano rimasti ben saldi e inevitabilmente anche la stima reciproca. Zio Mario, che per una vita è stato un conteso ballerino di liscio, ha continuato a far sfoggio  della sua danza elegante e gioiosa, specialmente nel giorno dell’ottava dei candelieri quando, prima di rientrare a Sant’Agostino, i Viandanti gli chiedevano di tuffarsi nella guida del loro candeliere all’uscita da Santa Maria, mietendo applausi ed ovazioni da stadio».

«La città perde un “personaggio” verrebbe da dire, uno degli ultimi baluardi della sassareseria autentica _ ha concluso Zedda _, di quella “cionfra” che troppo spesso ormai è divenuta solo volgarità. Il ricordo di  zio Mario richiamerà sempre il sorriso sulle labbra,non potrà estinguersi perché è anzitutto legato a quella festa di Sassari che non conoscerà mai tramonto».

In Primo Piano
L’intervista

L’assessore regionale Franco Cuccureddu: «Possiamo vivere di turismo e senza abbassare i prezzi, inutile puntare solo su presenze e grossi numeri»

di Luigi Soriga
Le nostre iniziative