La Nuova Sardegna

Sassari

La corsa alle Comunali

Elezioni, Giuseppe Mascia lancia la sfida: «Lavoriamo per cambiare Sassari pensando alle nuove generazioni»

di Roberto Sanna
Elezioni, Giuseppe Mascia lancia la sfida: «Lavoriamo per cambiare Sassari pensando alle nuove generazioni»

Nella sede del Pd la presentazione ufficiale del candidato sindaco del Campo largo

22 aprile 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Sassari «Lavoriamo per cambiare la città, guardiamo avanti pensando soprattutto alle generazioni che verranno dopo la nostra. Ci presentiamo con un’unità senza precedenti, spinti da nuove energie che arrivano dalla vittoria alle elezioni regionali». Sono state queste le prime parole di Giuseppe Mascia da candidato sindaco ufficiale del Campo largo, a poche ore dall’investitura formale avvenuta domenica mattina, pronunciate nel corso di una conferenza stampa convocata nella sede cittadina del Pd e alla quale hanno partecipato tutti i rappresentanti del territorio del Campo largo.

Investitura formalizzata dopo un percorso sofferto ma che, nelle parole di Mascia, è già alle spalle: «Si guarda avanti, siamo uniti, vogliamo confermare in città il risultato che ha portato Alessandra Todde alla guida della Regione. A Sassari vogliamo dare un futuro diverso, cominciando a pensarla come città-territorio perché il contesto è cambiato, non si può pensare a questa città senza un aeroporto, un porto, senza avere uno sguardo sul territorio». La campagna elettorale ufficialmente prenderà il via il 12 maggio, subito dopo la presentazione delle liste, ma già non sono mancate le frecciate all’attuale amministrazione guidata da Nanni Campus: «Un governo civico ma di chiara ispirazione di centrodestra, vogliamo calare la città in un contesto nuovo. Vogliamo soprattutto che i cittadini e tutte le componenti della città siano parte attiva, non possono solo essere avvisati delle decisioni prese nelle stanze: Sassari sta vivendo una curva depressiva dalla quale deve uscire e per farlo dobbiamo partire dalle persone».

In Primo Piano
Il dossier

Top 1000, un’isola che si batte e cresce nonostante tutto

di Giovanni Bua
Le nostre iniziative