La Nuova Sardegna

Sassari

L’allarme

Ozieri, al pronto soccorso ubriaco e con una pistola col colpo in canna: denunciato un 50enne

Ozieri, al pronto soccorso ubriaco e con una pistola col colpo in canna: denunciato un 50enne

L’uomo, originario di Mores, aveva avuto un malore. Il medico che lo visitava si è accorto dell’arma e ha chiamato i carabinieri

11 maggio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Ozieri Si è presentato nei giorni scorsi al pronto soccorso dell’ospedale Segni di Ozieri per un malore, ubriaco. Quando il personale in servizio ha iniziato a visitarlo ha scoperto che sotto la cintura dei pantaloni l’uomo, C.C., un disoccupato 50enne originario di Mores, aveva una pistola completa di caricatore, cartucce e addirittura con un colpo in canna.

Alla vista dell’arma da fuoco – che il paziente aveva detto essere una semplice “scacciacani” - il personale sanitario ha chiamato il 112 sollecitando l’intervento dei militari dell’Arma: sul posto sono subito intervenute una pattuglia della stazione dei carabinieri di Ittireddu e un’autoradio dell’aliquota radiomobile della compagnia di Ozieri.

I militari, oltre a prendere subito in consegna l’arma e avendo accertato che non aveva il tappo occlusivo rosso previsto dalla legge, hanno chiesto spiegazioni all’uomo sul perché ne fosse in possesso. Il 50enne, seppur in evidente stato di ebbrezza alcolica, ha chiarito di avere quella pistola a salve solo per difesa personale. Tenuto conto che la spiegazione fornita era stata alquanto sommaria e non supportata da specifiche motivazioni, i carabinieri hanno proceduto al sequestro della “scacciacani” e hanno denunciato l’uomo alla Procura della Repubblica di Sassari.

Il protagonista di questa vicenda già due mesi fa era stato denunciato per lo stesso identico motivo e gli era stata sequestrata un’altra pistola a salve a cui, ancora una volta, aveva rimosso il tappo di colore rosso previsto dalla legge.

In Primo Piano
Ricerca

Einstein Telescope, la ministra Anna Maria Bernini a colloquio con Alessandra Todde: «Priorità assoluta per il governo»

Salute e sicurezza

I detenuti di Mamone assistiti nel metaverso sanitario: progetto pilota Asl di Nuoro-Amministrazione penitenziaria

Le nostre iniziative