Lo Zenit di Spalletti chiede Nainggolan

I russi offrono 15 milioni che possono diventare 17. Salerno avverte: «Cederemo solo in caso di proposte irrinunciabili»

CAGLIARI. Se non arriva un’offerta impossibile da rifiutare, non cediamo nessuno. Anche perchè quando un giocatore viene con noi in ritiro, difficilmente va sul mercato». Nicola Salerno, arrivato ieri mattina nel ritiro di Sappada, ha parlato della campagna trasferimenti. «E’ vero che ci sono state delle offerte per Nainggolan - ha aggiunto - ma non le abbiamo ritenute congrue. Se non cambia qualcosa, non si va avanti».

La novità. A cambiare le carte in tavola potrebbe essere la proposta fatta dallo Zenit di Luciano Spalletti. Il club russo vuole il centrocampista indo-belga ed ha messo sul piatto 15 milioni di euro. Una cifra importante che potrebbe salire a 17 milioni se fosse necessario. Cellino sa concludere ottimi affari, ha preso tempo. Si è riservato di dare una risposta entro una settimana. Forse aspetta di vedere Massimo Moratti, col quale ha un appuntamento verso la fine della settimana, proprio per parlare di Nainggolan, una priorità per il tecnico nerazzurro.

Il punto. Intanto Nicola Salerno tesse la sua tela e opera a stretto contatto con Cellino. «E’ sempre battagliero, deluso per quanto è successo ma sempre pronto a lavorare come un matto per il Cagliari. Sono stato in club con presidenti come Gaucci e Pulvirenti, diciamo che sono abituato a confrontarmi con tipi vulcanici». Il responsabile dell’area tecnica ha parlato di Avenatti («lo seguiamo ma non è una priorità»), Oikonomou («grande fisico, ha margini di crescita») e Pinilla («nessun mal di pancia, non vuole cambiare aria»). Ma anche di Agazzi («è nel giro della nazionale, un giocatore in grande crescita»).

Il portiere. Oltre alla Fiorentina, ora si è fatto avanti anche il Genoa. Il Cagliari sa che il numero uno potrebbe fare le valigie e si cautela. Nei giorni scorsi Massimo Cellino ha avuto un colloquio con Pulvirenti, presidente del Catania. Hanno parlato di Alberto Frison, che il patron rossoblù avrebbe opzionato in caso Agazzi vada via. Una trattativa per ora bloccata ma che potrebbe avere sviluppi a breve.

Giovani rossoblù. il Venezia, società di Lega Pro, è pronta a mettere a segno tre colpi, tutti giocatori tesserati col Cagliari. Tre giovani rossoblù sono nel mirino della società lagunare. Si tratta del portiere Mauro Vigorito, del difensore Paolo Dametto e del centrocampista Daniele Giorico, figlio del tecnico dell’Olbia, Mauro. Gli ultimi due stanno svolgendo con il resto della squadra il ritiro di Sappada e sono molto apprezzati dalla coppia di tecnici Diego Lopez e Ivo Pulga. A giorni la trattativa potrebbe essere portata a termine.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

WsStaticBoxes

Necrologie

WsStaticBoxes