La Nuova Sardegna

Sport

l’intervista

«Lavoriamo bene, sono soddisfatto»

«Lavoriamo bene, sono soddisfatto»

Zeman tira dritto per la sua strada: «Questi risultati non contano»

28 luglio 2014
2 MINUTI DI LETTURA





SAPPADA. Prima di parlare con i giornalisti, Zdenek Zeman deve fumare almeno un paio di sigarette. Al termine dell’amichevole di ieri il tecnico del Cagliari ha subito preso tutti in contropiede: «A me il risultato delle partite amichevoli non interessa, sono invece soddisfatto del lavoro che stiamo svolgendo qui a Sappada. Darà i frutti al momento giusto. Un lavoro pesante? Quello che serve per essere pronti al momento giusto».

Al mister non piace parlare dei singoli ma questa volta fa due eccezioni. La prima su Cristetig: «Era la prima volta nel ruolo solitamente occupato da Conti ed è normale che il giudizio sia rimandato. E’ comunque un ragazzo interessante che ha delle qualità. Sa esprimersi in tutti i ruoli del centrocampo».

Seconda eccezione su Andrea Cossu: «E’ un giocatore importante per questa squadra. E’ leggerino, quindi entra in forma prima, altri più pesanti ci mettono più tempo, ma non ho fretta, il campionato è ancora lontano».

Zeman è come sempre schietto e dice quello che pensa senza fare giri di parole. «Oggi aspettavo che le cose andassero peggio. Abbiamo lavorato intensamente anche questa mattina. Ho visto cose positive e altre che vanno corrette, ma c’è tempo per migliorare».

Gli infortuni, tanti e tra questi quello di Daniele Conti che starà fuori un mese. «Sono cose normali - conclude l’allenatore del Cagliari -, niente di particolare. E non credo proprio che siano dovuti al lavoro che stiamo svolgendo in questi giorni. Si tratta di incidenti di percorso e, Conti a parte, si è trattato di brevi stop. Oggi, in mattinata i ragazzi riposeranno, di pomeriggio riprenderemo il lavoro».

Il tecnico boemo non aggiunge altro e si allontana accendendosi l’ennesima sigaretta. (r.m.)

Incidente stradale

Sassari, pedone investito da un autocarro in via Bogino

Le nostre iniziative