All’orizzonte per la Dinamo c’è un lungo tour de force

In attesa del rientro dei nazionali, i biancoblù mettono nel mirino l’anticipo di sabato La sfida contro Venezia aprirà un ciclo di 12 partite in 40 giorni tra campionato e coppa

SASSARI. Meno di una settimana per riprendere il filo, quattro giornate (o forse soltanto tre) per tornare a fare gruppo e lavorare per prepararsi al nuovo tour de force. Con il primo obiettivo chiarissimo: battere la Venezia e levarsi definitivamente di dosso la “scimmia” della Final Eight.

Dimenticare Milano. Con la finestra invernale dedicata alle nazionali ancora aperta, per la Dinamo si apre una settimana importante: sabato i sassaresi di Gianmarco Pozzecco torneranno in campo ospitando l’Umana Reyer nell’anticipo della quinta giornata di ritorno del massimo campionato di basket. Si tratta di un big match che mette di fronte le due squadre che negli ultimi mesi in serie A hanno fatto meglio: i sassaresi hanno vinto nove delle ultime dieci gare, perdendo soltanto in casa dell’Olimpia Milano; i lagunari di Walter De Raffaele, a lungo alle prese con problemi legati al Covid-19, hanno invece un bilancio di otto vittorie nelle ultime nove giornate. Dinamo e Reyer, seconde in classifica a quota 24 insieme a Brindisi e Virtus Bologna (ma i veneziani e i bolognesi hanno giocato una partita in più), attualmente hanno anche un altro punto in comune: entrambe sono uscite in maniera abbastanza traumatica e – ognuna a suo modo – inaspettata dalla Final Eight dello scorso weekend. Sassari cadendo ai quarti contro Pesaro all’overtime, Venezia venendo annichilita da Milano in semifinale. In entrambi i casi, la delusione del Mediolanum Forum non cancella quanto di buono fatto sinora, né modifica minimamente gli obiettivi stagionali, ma il ritorno in campo rappresenta comunque un momento importante e delicato.

Un ciclo durissimo. Contestualmente ripartiranno anche le coppe, con il Banco impegnato nel nuovo girone di Champions League: si comincia martedì 2 marzo al PalaSerradimigni contro Saragozza e si andrà avanti per sei settimane filate, alternando gli impegni europei a quelli in campionato. Questo significa che da sabato ai primi di aprile, la Dinamo scenderà in campo per ben 12 volte nello spazio di 40 giorni. Il tutto con tre scontri diretti con le altre squadre che formano il gruppetto alle spalle dell’Olimpia Milano: dopo il confronto di sabato con Venezia, questo tour de force prevede anche la trasferta a Brindisi il 21 marzo e il match interno con la Virtus Bologna in programma il 3 aprile.

Le variazioni di orario. Lasciatasi alle spalle la Final Eight, Lega basket ha già fissato date e orari delle prossime tre giornate di campionato: per la Dinamo, detto dell’anticipo di sabato con Venezia, il calendario prevede la trasferta in casa della Openjobmetis Varese per sabato 6 marzo alle 19 (diretta su Eurosport 2) e il confronto interno con la Dolomiti Energia Trento, fissato per domenica 14 marzo alle 18.

I nazionali. Erano cinque i giocatori della Dinamo impegnati con le rispettive nazionali in questa finestra prevista dalla Fiba per le qualificazioni a Euro 2022. Marco Spissu disputato ieri la terza e ultima partita con la nazionale azzurra nella bolla di Perm, in Russia, e oggi farà ritorno a Sassari. Il play sassarese è però l’unico nazionale ad avere già esaurito i propri impegni: oggi infatti torneranno in campo Miro Bilan e Filip Kruslin, con la maglia della Croazia, Eimantas Bendzius con quella della Lituania e Kaspar Treier, con la sua Estonia.

La Croazia, che aveva già ottenuto la qualificazione nella precedente finestra, nella bolla di Istanbul hanno perso sabato contro l’Olanda del ct Tommaso Buscaglia e oggi affronteranno la Turchia. Contro l’Olanda 11 punti e 10 rimbalzi con 5/9 al tiro per Bilan, 11 punti e 6 assist con 3/5 per Kruslin, fresco papà per la seconda volta. Treier, che contro l’Italia è stato protagonista con 17 punti, 6 rimbalzi e 5/6 al tiro, stasera sarà nuovamente in campo nel match tra l’Estonia e la Macedonia del Nord. Infine Eimantas Bendzius: il super cecchino lituano del Banco, tra i migliori tiratori della serie A con il 50,9% da tre punti, sfiderà con la maglia gialloverde la Danimarca nell’ultimo match del gruppo C, che vale la qualificazione. Tre giorni fa contro la Repubblica Ceca “Bendzius ha “tuonato” con 14 punti in 19 minuti e un sontuoso 4/4 da oltre l’arco dei 6,75.

©RIPRODUZIONE RISERVATA



WsStaticBoxes WsStaticBoxes