Magico Cagliari: 3-1 a Benevento, la salvezza è vicina

L'esultanza dei rossoblù dopo il 2-1 di Pavoletti che ha spianato la strada verso il successo

Nel primo tempo chiuso sull'1-1 grande Cragno. Nella ripresa i gol di Pavoletti e Joao Pedro regalano un successo straordinario

BENEVENTO. Magico Cagliari. Vince 3-1 lo spareggio salvezza in casa del Benevento e ora può davvero guardare al futuro, alle ultime tre partite di campionato, con rinnovata fiducia. Contro i campani la partita era iniziata nel migliore dei modi con il fulmineo vantaggio firmato da Lykogiannis. Poi però il Benevento aveva reagito con forza e pareggiato con Lapadula. Ma nella ripresa il cambio modulo dettato da Semplici, dal 3-5-2 al 4-4-2 ha cambiato volto alla gara. Prima la rete di Pavoletti e poi, dopo un rigore prima assegnato e poi tolto al Var da Doveri, il sigillo di Joao Pedro per un 3-1 che fa volare i rossoblù.

Cronaca. Il cronometro non fa in tempo a fare il primo giro e il Cagliari è in vantaggio con Lykogiannis che viene servito da Marin al limite dell’area e insacca con un sinistro liftato che si infila all’incrocio dei pali senza lasciare scampo a Montipo. Per il greco è il quarto gol stagionale. La reazione del Benevento al 10’ con un tiro centrale di Barba che Cragno blocca con sicurezza. Al 16’ però i padroni di casa pareggiano con Lapadula grazie a un errore clamoroso di Ceppitelli in uscita che regala il pallone a Caprari, che a sua volta serve rapidamente l’attaccante che tutto solo non ha difficoltà a infilare Cragno in uscita.

I rossoblù subiscono il contraccolpo e rinculano troppo all’indietro lasciando spazio agli avversari. Alla mezz’ora miracolo di Cragno che riesce a chiudere sul suo palo il gran tiro di Caprari su lancio perfetto di Lapadula. Al 38’ nuovamente Cragno in evidenza con un volo che intercetta un colpo di testa di Schiattarella con la palla che viene spedita poi in angolo da Pavoletti. Al 43’ cross in area e Caprari di testa colpisce bene ma ancora una volta il portierone del Cagliari si erge a protagonista e respinge, mettendo il sigillo a un primo tempo in cui è stato il migliore dei suoi.

In apertura di ripresa subito dentro Zappa per Carboni, che ha sofferto per tutti i 45 minuti Lapadula, e lo schieramento cambia dal 3-5-2 al 4-4-2. La prima conclusione all’8’ è del Cagliari con un cross di Zappa che raggiunge Pavoletti il cui colpo di testa però si perde sopra la traversa. Cagliari di nuovo in vantaggio al 18’ con una bella azione orchestrata da Joao Pedro per Zappa che allarga su Nandez il cui cross è perfetto sulla testa di Pavoletti che stavolta non fallisce l’appuntamento con il gol.

A 16’ dalla fine esce Lykogiannis, a causa di un leggero infortunio, sostituito da Asamoah. Lo stesso Asamoah combina il pasticcio a 6 minuti dalla fine andando al contrasto con Viola e rischiando il rigore che l’arbitro in un primo momento assegna e poi toglie dopo aver controllato l’azione al Var. Clamorosa la decisione di Doveri, ma intanto il Cagliari tiene il vantaggio. Al 90’ ancora un brivido con l’ex Ionita che gira la palla e Cragno si tuffa e blocca.

Al 93’ colpo del ko del Cagliari con Nandez che parte velocemente sulla destra entra in area e poi passa verso il centro dove Joao Pedro insacca siglando il suo 16° gol stagionale e mettendo il sigillo allo spareggio salvezza. Grande il brasiliano, ma grande anche l'uruguaiano autore di due assist vincenti e di una gara che ha sfiorato la perfezione,.

Con questo successo il Cagliari vola a 35 punti scavalcando anche lo Spezia a 34 punti e agganciando il Torino. Sempre più padrone del proprio destino. I conti potrebbero essere chiusi con un successo mercoledì con la Fiorentina, ma intanto tutta la Sardegna si gode questo successo, il quarto nelle ultime cinque partite: una rimonta che ha rivoltato la classifica rossoblù come un calzino.

Benevento (4-3-2-1): 1 Montipò, 27 Depaoli (72' Letizia), 15 Glik, 5 Caldirola, 93 Barba, 56 Hetemaj (72' Improta), 28 Schiattarella (66' Viola), 29 Ionita, 19 Insigne (66' Gaich), 17 Caprari (76' Di Serio), 9 Lapadula (12 Manfredini, 22 Lucatelli, 8 Tello, 13 Tuia, 14 Dabo, 26 Sanogo, 58 Pastina). All.: F.Inzaghi.

Cagliari (3-4-1-2): 28 Cragno, 23 Ceppitelli, 2 Godin, 44 Carboni (46' Zappa), 18 Nandez, 14 Deiola (88' Rugani), 8 Marin (88' Duncan), 22 Lykogiannis (76' Asamoah), 4 Nainggolan, 10 Joao Pedro, 30 Pavoletti (93' Cerri) (1 Aresti, 31 Vicario, 3 Tripaldelli, 9 Simeone, 15 Klavan, 16 Calabresi, 40 Walukiewicz). All.: Semplici.

Arbitro: Daniele Doveri di Roma 1.

Reti: nel pt 2' Lykogiannis, 16' Lapadula; nel st 19' Pavoletti, 48' Joao Pedro.

Note. Ammoniti: Schiattarella, Pavoletti, Tello, Deiola. Recupero: 2' e 5'. Angoli: 4-5. (ANSA).

WsStaticBoxes WsStaticBoxes