Riparte la serie C femminile Niente derby Caprera-Oristano

CAGLIARI. Comincia domenica il campionato di serie C femminile di calcio, con diverse novità: 48 squadre partecipanti suddivise in tre gironi da sedici squadre, quattro giornate in più da giocare,...

CAGLIARI. Comincia domenica il campionato di serie C femminile di calcio, con diverse novità: 48 squadre partecipanti suddivise in tre gironi da sedici squadre, quattro giornate in più da giocare, trenta anziché ventisei. Viene promossa in serie B la prima classificata dei tre raggruppamenti; aumentano le retrocessioni, quattro per ciascuno dei tre gironi, per un totale di dodici. Le ultime due scenderanno direttamente, le altre due saranno determinate attraverso la disputa dei playout (questa è l’altra novità di rilievo), tra le undicesime le quattordicesime , le dodicesime e le tredicesime.

Le due formazioni isolane, Atletico Oristano e Caprera, sono state inserite in due gironi diversi, rispettivamente nel girone B e nel girone A. Si sono incontrate nella doppia sfida di Coppa Italia giocata il 19 e 26 settembre, terminata con un complessivo 7-3 (7-2 all’andata, 0-1 al ritorno) in favore delle oristanesi.

Tornando al campionato domenica l’Atletico Oristano riceverà il Padova, mentre il Caprera sarà impegnato in Toscana contro il Città di Pontedera. Per quanto concerne gli organici, le novità maggiori arrivano proprio dalla società oristanese. Nuovo è l’ allenatore, Mauro Soru, alla sua prima esperienza nel calcio femminile, in precedenza aveva allenato nel calcio dilettantistico isolano maschile. Sono arrivate tre nuove giocatrici, il portiere Erika Venanzi dalla Pink Bari , retrocessa dalla serie A, la centrocampista greca Evangelia Kapareli dalla Torres, e il difensore Emanuela Priolo ex Verona Femminile e Monreale Palermo, girone C serie C.

Il Caprera sarà ancora allenato da Massimiliano Fascia, confermata gran parte della rosa che ha disputato lo scorso campionato.

Stefano Serra

WsStaticBoxes WsStaticBoxes