Pesantissima sconfitta esterna per un Atletico Uri scarico

Monterotondo3Atletico Uri 0REAL MONTEROTONDO SCALO: Proietti Gaffi; Albanesi, Esposito, Pasqui, Carosi; Marino (27’ st Zambrini), Tilli, Riccucci, Capuano (20’ st Sganga), Mattei. A disp. Grussu,...

Monterotondo3

Atletico Uri 0

REAL MONTEROTONDO SCALO: Proietti Gaffi; Albanesi, Esposito, Pasqui, Carosi; Marino (27’ st Zambrini), Tilli, Riccucci, Capuano (20’ st Sganga), Mattei. A disp. Grussu, Saccuti, Agaci, Lalli, Bornivelli, Sansotta, Calisto. Allenatore Paris.

ATLETICO URI: Pittalis; Ravot, Olmetto, Pinna (1’ st Brizzi), Jah; Incerti, Piga, Loru; Scanu; Altolaguirre, Bah (1’ st Calaresu). A disp. Argiolas, Campus, Stechina, Carboni, Delizos, Di Paolo. Allenatore Paba.

ARBITRO: Matina di Palermo;

RETI: 34’ Baldassi, 48’ Tilli, 50’ Capuano

NOTE: ammoniti Loru, Zambrini, Esposito. Spettatori 200 circa con una rappresentanza di 20 tifosi ospiti. Espulso Mura, vice-allenatore dell’Atletico Uri, per proteste.

MONTEROTONDO

Prosegue il momento negativo per l’Atletico Uri che dopo il tonfo casalingo contro l’Insieme Formia, la formazione di Paba capitola contro il Real Monterotondo Scalo. Una sconfitta per 3-0 che pesa ancora di più considerando il ruolino di marcia finora estremamente negativo degli avversari. Il Real Monterotondo era a secco di vittorie in campionato ma soprattutto la seconda peggior difesa del girone insieme al Gladiator contando anche un passivo di reti subite in rapporto a quelle segnate molto più ampio. Soprattutto gli unici due punti conquistati dai Laziali erano arrivati in trasferta. Nonostante il pessimo rendimento casalingo del Monterotondo Scalo, l’Atletico Uri si è arreso fin da subito alla determinazione dei padroni di casa di centrare la prima vittoria in campionato.

Una gara apparentemente senza storie, soprattutto nel primo tempo dove dopo un primo tentativo da parte dell’Uri con Scanu, terminato con un tiro fuori dalla distanza, il resto è tutto di marca rosso blu. Gli uomini di Paris mano a mano prendono coraggio e al 34’ si portano in vantaggio grazie ad una rete d’autore siglata da Baldassi che sul lancio di Mattei.

Nell’intervallo, Paba opta per due cambi: fuori Bah e Pinna, dentro Calaresu e Rizzi. La musica però non cambia ed anzi nel giro di pochi minuti, l’Atletico subisce due reti in rapida successione. Tilli e Capuano, si assistono e segnano a vicenda siglando la resa definitiva dei sardi che tuttavia sono anche sfortunati al 65’ con il tentativo di Calabresu: l’attaccante ci prova dal limite e centra il legno, la palla danza poi sulla linea e i difensori di casa mandano il pallone in calcio d’angolo.

Il tecnico Paba è deluso. «Abbiamo affrontato una squadra affamata che voleva a tutti i costi vincere per interrompere il proprio digiuno. Non siamo stati all’altezza dei nostri avversari».



WsStaticBoxes

Necrologie

WsStaticBoxes