La Nuova Sardegna

Sport

Galoppo

Cocaina, Ghiani sospeso per 6 mesi. Il fantino si scusa: «Errore stupido»

di Paolo Camedda
<usng-titolo>Cocaina, Ghiani sospeso per 6 mesi. Il fantino si scusa: «Errore stupido»</usng-titolo>

Dura la Federazione inglese con il promettente jockey di Silì

25 novembre 2022
2 MINUTI DI LETTURA





Oristano Quando si è arriva in alto, è più facile cadere. È successo anche al giovane oristanese Marco Ghiani, fra i fantini più promettenti del panorama britannico. Il jockey di Silì è stato sospeso per 6 mesi dalla Bha, la British Horse Authority, per una positività alla cocaina rilevata lo scorso 25 agosto a Newcastle. Il provvedimento ha iniziato a decorrere retroattivamente dal 5 settembre, giorno in cui è stata applicata la sospensione cautelare, per cui Ghiani non potrà correre fino al 5 marzo 2023.

Il fantino originario di Silì ha ammesso di fronte all'autorità di aver assunto la sostanza due giorni prima della corsa e non ha fatto opposizione al verdetto finale. Secondo quanto riferisce Tomás Nolan, in rappresentanza del Bha, Ghiani avrebbe assunto la droga durante una vacanza in Italia a luglio e di nuovo in Inghilterra il mese successivo, l'ultima volta due giorni prima del test a sorpresa. Il campione di urine del jockey oristanese ha fatto registrare un valore di 301 ng/ml superiore alla soglia tollerata di 150 ng/ml per la benzoilecgonina, il principale metabolita della cocaina. «Ho fatto un errore davvero stupido – ha commentato Ghiani –, non ho riflettuto abbastanza». A rappresentare Ghiani è stato l'avvocato Rory Mac Neice: «Il signor Ghiani è enormemente imbarazzato da questa vicenda e ammette che si è trattato di un grave errore di giudizio da parte sua. Da allora ha riflettuto molto su come sia arrivato a quella situazione. Ha ceduto alla tentazione in un momento in cui si sentiva professionalmente vulnerabile. Tende a non esaltarsi per i successi e, invece, fatica a metabolizzare gli insuccessi. Ha un carattere fragile, che lo ha portato a sbagliare. Ma si è reso conto dell'errore, ha chiesto scusa a tutti i suoi colleghi e al mondo delle corse, e lavorerà sodo per riconquistare la loro fiducia. Spera perciò che gli sia data la possibilità di rimediare a quell’errore».

Dopo aver ascoltato le parole del legale, la giuria ha pronunciato la sentenza, sottolineando che Ghiani «ha messo in potenziale pericolo la salute e la sicurezza dei fantini e dei cavalli» nelle corse a cui ha partecipato dopo aver assunto la sostanza. Prima di Ghiani, anche altri fantini di successo sono stati sospesi per 6 mesi per positività alla cocaina, fra questi Frankie Dettori, idolo di Marco, e Oisin Murphy. Entrambi sono poi tornati alle corse e a vincere.
 

In Primo Piano
Sanità

Cagliari, l’ospedale Brotzu riapre dopo il black out

Le nostre iniziative