La Nuova Sardegna

Sport

Basket

Pasquini avverte la Dinamo «Non fare l’errore di fermarti»

di Antonello Palmas
Pasquini avverte la Dinamo «Non fare l’errore di fermarti»

Il giemme: «Gran momento, ma domenica a Brescia sarà durissima»

10 febbraio 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Sassari C’è ancora Brescia sulla strada della Dinamo, le due squadre si ritrovano a sole 5 settimane dalla gara del PalaSerradimigni persa per 92-94 all’overtime dai sassaresi: un ko bruciante per le modalità, ma anche perché avrebbe poi determinato l’esclusione dalla Coppa Italia. Questo è ciò che ha lasciato quest’anno Brescia nella mente dei tifosi biancoblù, ma ora c’è l’occasione per lenire almeno in parte la ferita. Da allora il Banco, che pure aveva cominciato già a giocare bene senza raccoglierne i frutti, ha cominciato uno splendido volo che l’ha portata addirittura all’attuale sesto posto e a scavalcare un Brescia che allora sembrava lontano e che dopo 5 sconfitte di fila guarda dal basso di un -4 la squadra di Bucchi. Un’altra riprova delle pazzie di questa Lega A, che illude e disillude.

La Dinamo però pensa di aver già dato in tema di disillusione: «È un momento in cui stiamo giocando una gran bella pallacanestro – dice il general manager Federico Pasquini – e i ragazzi stanno collaborando molto tra loro. Siamo contenti, perché la squadra ha compiuto lo step nella crescita che speravamo. È da diversi mesi che gioca in maniera “consistente” e vederla al sesto posto dopo quella partenza non deve però farci fare l’errore di fermarci. Fondamentale mantenere la calma e la razionalità quando si perde, ma soprattutto quando si vince perché si rischia di andare fuori giri, non rendendosi conto che a fare la differenza sono dei piccoli particolari. Dobbiamo continuare a lavorare in maniera dura sapendo che domenica giochiamo contro un Brescia che è un’ottima squadra – avverte – e che a prescindere dalla classifica mercoledì ha fatto una gara straordinaria in Eurocup contro Cluj e se l’è giocata all’ultimo tiro con Bologna. Sappiamo quello che troveremo, e se non arriviamo pronti di testa e di fisico rischiamo di farci molto male».

Jones, reduce dalla distorsione alla caviglia rimediata a Trento, ieri ha fatto un pezzo di allenamento col gruppo e potrebbe essere in grado di scendere in campo, anche Diop è a poso. Robinson poi è completamente recuperato. Dopo Brescia stop per due domeniche, per come vanno le cose forse sarebbe meglio non fermarsi? «Credo che chi ha speso tanto per risalire come noi ne abbia bisogno per recuperare benzina. Piuttosto sarebbe stato bello essere a Torino a giocare le Final Eight...».
 

In Primo Piano
Incidente

Scontro fra un’auto e un furgone all’ingresso di Sant’Antioco: muore un 50enne di Carbonia, grave l’altro conducente

Le nostre iniziative