La Nuova Sardegna

Sport

Basket Lega A

La Dinamo saluta coach Bucchi, arriva Markovic

La Dinamo saluta coach Bucchi, arriva Markovic

Fatali le ultime sconfitte, una classifica che preoccupa e la necessità di una svolta immediata

24 gennaio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Sassari La Dinamo Banco di Sardegna ha ufficializzato l’esonero di Piero Bucchi. La società sassarese con un comunicato ha salutato e ringraziato «coach Piero Bucchi per questi due anni insieme: un cammino costellato di sfide italiane ed europee con due semifinali scudetto, che resteranno nella memoria collettiva. A coach Bucchi gli auguri da parte di tutto il club per le migliori soddisfazioni professionali e personali nel prosieguo di carriera».

Al suo posto arriva, con un contratto fino al 30 giugno 2025,  Nenad Markovic, 55 anni bosniaco di Doboj. Padre bosniaco e madre croata, Markovic è cresciuto nel KK Bosna giocando tra gli altri insieme a Danilovic. Ha militato in grandi club, tra cui Limoges, Valencia, Olympiakos e Badalona con parentesi nel 92-93 nella storica Stefanel Trieste. E’ il secondo allenatore straniero in serie A della storia di Sassari dopo la parentesi di Zare Markowski, anche lui arrivato in corsa, e alla guida della Dinamo in due occasioni.

Markovic ha iniziato la sua carriera da coach nel 2007 con un biennio al Panionios in Grecia. Dopo Kaod ha debuttato nel campionato turco con il Trabzonspor, poi al Pinar, prima di fare il salto con Tenerife in ACB. Con gli spagnoli nel 2017 ha vinto la Coppa Intercontinentale battendo in finale i venezuelani del Guaros. È tornato in Turchia per aprire un ciclo al Gaziantep dove è rimasto per quattro stagioni ottenendo eccellenti risultati.

Markovic nella passata stagione ha battuto due volte la Dinamo in BCL allenando i francesi del Digione. Successo sia in Francia 88-80 sia a Sassari 85-72. La squadra francese era arrivata al Round of 16 eliminando nel play-in il Peristeri.

Stamattina il presidente Stefano Sardara ha aperto la conferenza stampa in Club House parlando proprio di coach Bucchi:

"Ci tengo a ringraziare personalmente Piero e la sua famiglia per il lavoro e il supporto in questi due anni. Piero e’ molto più di un allenatore, e’ una persona eccezionale di grandi valori umani e con una grande dedizione al lavoro. Oggi le nostre strade si separano solo per le fredde regole dello sport. A lui, a Mariolina e alla sua bella famiglia, il mio più sentito ringraziamento! "

Elezioni regionali 2024
Il voto

Elezioni regionali, i dati sull’affluenza alle 19: 44,1 per cento

Le nostre iniziative