La Nuova Sardegna

Sport

Sport

Torres, il bomber Fischnaller ora vuol fare gol al suo passato

di Sandra Usai
Torres, il bomber Fischnaller ora vuol fare gol al suo passato

Un anno fa nelle file della Fermana Manuel negò la vittoria ai rossoblù

05 aprile 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Sassari Con i playoff all'orizzonte ma con la testa ancorata alle quattro gare che restano del campionato. La Torres non si culla sul percorso fatto e tiene alta la concentrazione, fedele al motto di stagione che vuole il pensiero fisso solo sul presente. E il presente si chiama Fermana, avversario domani (via alle 14) al “Vanni Sanna”.

Nessuna distrazione, vietati i cali di tensione che possono minare l'assalto ai 3 punti contro una squadra ultima in classifica e pertanto disperatissima, con lo spettro della retrocessione diretta che incombe.

La settimana di preparazione, dopo l'indigesta (ma indolore per la classifica) sconfitta di Gubbio, è filata via in serenità, con il gruppo che ha lavorato con la solita intensità. Oggi  6 aprile è prevista la rifinitura, con le ultime prove utili al mister per rafforzare le sue scelte sulla formazione da mandare in campo.

Ovviamente nessuna anticipazione e nessuna conferma alle ipotesi, la certezza è l'assenza di Giuseppe Mastinu che deve smaltire il fastidio muscolare accusato in Umbria. In diffida c'è invece Francesco Ruocco.

Un anno fa Torres-Fermana fu l'ultima partita in calendario di una stagione ricca di problemi ma con il lieto fine della salvezza, certificata proprio dal punto ottenuto in quella gara dai rossoblù nel match con l’altra squadra ripescata nell’estate precedente. Non fu vittoria perché al gol di Saporiti rispose un attaccante di valore che in questa annata ha contribuito alle fortune torresine: Manuel Fischnaller, 13 reti con i marchigiani e ora a quota 11 in rossoblù.

«Sarà una partita non semplice per noi – dice il bomber, che punta a un altro 13 – con la Fermana che crede ancora nella salvezza e giocherà per vincere. Mi piacerebbe essere in campo, le gare da ex sono sempre speciali sul piano emotivo, rivedrò tanti vecchi compagni e vorrei essere decisivo come un anno fa. Di quella gara ho bei ricordi, come lo stadio pieno per sostenere la Torres che aveva nel mirino la salvezza. Stavolta sarà una storia diversa, siamo concentrati su un altro traguardo e con le idee chiare su come interpretare questi 90'. Non dovremmo avere fretta ma mantenere la calma per colpire quando si presenterà l'opportunità». Fischnaller non segna dalla trasferta con la Spal, un mese fa, ma l'ultimo gol segnato in casa risale al 21 gennaio, contro l'Olbia. E fu determinante per la vittoria. «Il digiuno mi pesa un po', andare in rete per un attaccante è sempre bello e ormai è da tanto che non esulto con i nostri tifosi. Devo rimediare al più presto, spero già domani».

In Primo Piano
Il dossier

Top 1000, un’isola che si batte e cresce nonostante tutto

di Giovanni Bua
Le nostre iniziative