La Nuova Sardegna

Sport

Serie A

Davide Nicola prima opzione del Cagliari per il dopo Ranieri

di Stefano Ambu
Davide Nicola prima opzione del Cagliari per il dopo Ranieri

Ma occorre attendere l’Empoli che potrebbe confermarlo dopo la salvezza

09 giugno 2024
3 MINUTI DI LETTURA





Cagliari Eredità pesante: dopo Ranieri ancora nulla. A più di due settimane dalla fine del campionato e a a quasi tre dall’addio del mister dei miracoli, il nuovo allenatore del Cagliari non c’è. Mossa delicata e importante: il club aspetta. I due obiettivi principali, Baroni e Vanoli, hanno scelto panchine più “europee” come quelle di Lazio e Torino (Conference sfiorata). Dionisi, altro nome accostato ai rossoblu, ha preferito invece ripartire dalla B. Con la speranza di risalire subito in A. Con una squadra, il Palermo, che, una volta nella massima serie, può anche puntare a qualcosa di più della semplice salvezza: è nel circuito City.

E allora? Il Cagliari sta pensando a due nomi: Luca Gotti e Davide Nicola. Sono i profili che corrispondono alle esigenze del club: esperienza in A in panchine calde. Il problema è che per queste due piste il Cagliari non è padrone del proprio destino. Nel senso che la società deve aspettare le decisioni di Lecce ed Empoli. E naturalmente dei due mister. Che comunque partono da posizioni forti: le salvezze conquistate. In Puglia e Toscana il rinnovo non è escluso. Ma non è nemmeno confermato. Tra i due, spunta anche un’altra possibilità: Francesco Calzona. Anche qui però qualche dubbio c’è: l’allenatore uscente del Napoli è anche ct della Slovacchia, impegnata agli Europei. L’ex vice di Di Francesco potrebbe avere in questo momento la testa impegnata da programmi di allenamento e schemi in vista della competizione continentale. Non solo. Calzona in A può contare, da mister, soltanto sull’esperienza con il Napoli. Prestigiosa sì, ma nella panchina occupata prima di lui da Garcia e Mazzarri, le cose non sono andate benissimo. E ancora: non ha mai avuto a che fare con la corsa salvezza. E poi? E poi gli allenatori con un discreto numero di partite in A e alla portata del Cagliari sono finiti. Stefano Pioli, Maurizio Sarri e Ivan Juric sono di un’altra fascia, i primi due di un altro pianeta. Poi ci sarebbero Andrea Sottil e Aurelio Andreazzoli, ma non rientrerebbero nei piani del club. Idem per Paulo Sousa, Giampaolo e Ballardini, Pippo Inzaghi e Gennaro Gattuso. Roberto D’Aversa dovrebbe andare al Cesena. Volendo fare un passo indietro alle panchine della B, Giovanni Stroppa ha rinnovato con la Cremonese. E rimane l’opzione Vincenzo Vivarini, tecnico della sorpresa Catanzaro. La prossima settimana potrebbe essere quella decisiva. Domani si saprà qualcosa in più sui destini di Gotti e Nicola. Il tergiversare dell’uno o dell’altro potrebbe essere già un indizio. La possibile concorrenza? Il Verona avrebbe già puntato su Zanetti per il dopo Baroni. Ci sarebbe quindi l’Udinese, non proprio convinta della conferma di Cannavaro.

Si entra nella settimana chiave per i riscatti: in ballo soprattutto quelli di Eldor Shomurodov e Gaetano Oristanio. Il Cagliari ha avuto contatti col Napoli per provare a rinnovare il prestito dell’attaccante-fantasista Gianluca Gaetano, che ha fatto ritorno al club di appartenenza. Per ora la dirigenza partenopea ha risposto che Gaetano andrà in ritiro con il Napoli e dopo la valutazione del neotecnico Conte si prenderà una decisione per un eventuale rinnovo del prestito.

In Primo Piano
L’emergenza

Campagne invase dai cinghiali: agricoltori sul piede di guerra

di Salvatore Santoni

Video

Viaggio nel laboratorio artigiano algherese delle tavole da surf richieste in tutto il mondo

Le nostre iniziative