La Nuova Sardegna

Cagliari, cinema indipendente: le storie di un cineasta poco più che ventenne

Nicola Federico Onnis (a destra) sul set
Nicola Federico Onnis (a destra) sul set

Un cortometraggio e un lungometraggio di Nicola Federico Onnis che ha scritto la trama e ha materialmente realizzato le produzioni. La proiezione fissata per oggi 18 luglio 2016 è organizzata da Fedic nella sala della Cineteca Sarda in viale Trieste

11 luglio 2016
2 MINUTI DI LETTURA





CAGLIARI. Due storie immaginate, poi scritte e infine trasformate in un cortometraggio e in un lungometraggio che saranno proiettati oggi 18 luglio 2016 nella Cineteca Sarda in viale Trieste 118 a Cagliari, a partire dalle  20. L'autore e regista è un ragazzo di 23 anni con la passione del cinema, un vero figlio del cinema indipendente, si chiama Nicola Federico Onnis e studia Comunicazione all'università di Cagliari.

Si comincerà con il cortometraggio "La Caduta", che racconta di un'amicizia e si continuerà col  lungometraggio "Anima" , dove il protagonista è ancora un giovane, deciso a ritrovare una ragazza scomparsa. 

La serata è organizzata e ospitata nei locali della cineteca dal cineclub Fedic

Nicola Federico Onnis spiega di essere un patito di cinema da sempre. Arrivava a vedere anche più di un film al giorno, comprava dvd, fino a quando ha compreso che stare a guardare non gli bastava e ha trovato persone che, come lui, avevano interesse a cimentarsi con le produzioni. Nel curriculum di Onnis ci sono altri due cortometraggi narrativi e diversi video pubblicitari.

La spinta a imboccare una strada che comunque non appare subito spianata è arrivata ancora una volta dal mitico mondo del cinema: "Ho ascoltato tante interviste di personaggi dello spettacolo - racconta Nicola Federico Onnis - e tutti sottolineavano quanto fosse importante provare a fare da soli, anche se i mezzi erano pochi. E anche questo mi ha dato una bella spinta a provare"

In Primo Piano
L’inchiesta

Truffa del “bonus facciate”, la Procura di Sassari chiede 53 rinvii a giudizio

di Nadia Cossu
Le nostre iniziative