La Nuova Sardegna

Porto Rotondo 

Premio Navicella I riconoscimenti a sette magnifici sardi

Premio Navicella I riconoscimenti a sette magnifici sardi

È giunto al prestigioso traguardo delle venti edizioni consecutive il Premio Navicella Sardegna. La cerimonia di consegna delle navicelle d’argento, il più ambito riconoscimento assegnato in Sardegna...

02 settembre 2021
3 MINUTI DI LETTURA





È giunto al prestigioso traguardo delle venti edizioni consecutive il Premio Navicella Sardegna. La cerimonia di consegna delle navicelle d’argento, il più ambito riconoscimento assegnato in Sardegna e sicuramente uno dei principali eventi culturali e di gala del settembre nell’Isola, si terrà sabato prossimo nel teatro Ceroli di Porto Rotondo. Così dopo Cagliari, Castelsardo, Porto Cervo, sarà Porto Rotondo, per l’ottavo anno consecutivo, ad ospitare la cerimonia, grazie al sostegno del Comune di Olbia e del Consorzio del comprensorio di Porto Rotondo. Sarà un edizione più sobria, visto il particolare periodo di lotta alla pandemia che l’intero Paese e la Sardegna stanno vivendo: le presenze sia fra il pubblico che sul palcoscenico saranno necessariamente ridotte e sarà consentito l’accesso soltanto agli spettatori muniti di green pass.

Anche per la ventesima edizione la giuria formata da personalità del mondo della cultura, della comunicazione, del giornalismo, delle istituzioni, della medicina, non ha trovato difficoltà ad individuare la rosa dei magnifici sette. Le personalità selezionate dalla giuria per il 2021, provengono da diversi settori e sono: la scrittrice Angelica Grivel Serra; lo skipper di Luna Rossa Max Sirena; il canottiere Stefano Oppo; lo scienziato Giacomo Cao; l’attrice Simonetta Columbu; l’amministratore delegato del Gruppo Unipol-Sai Carlo Cimbri; lo street artist Manu Invisible.

Dal 2015 alle tradizionali navicelle d’argento si è aggiunto un premio speciale, intitolato ad Olimpia Matacena, per molti anni vera anima organizzativa della manifestazione, che viene assegnato a personalità del mondo della comunicazione. Per l’edizione 2021 il premio andrà alla giornalista e conduttrice televisiva di Sky Stefania Pinna.

Le navicelle in argento, realizzate dall’orafo cagliaritano Bruno Busonera ed ispirate al famoso bronzetto nuragico, vengono assegnate annualmente a personalità sarde, di nascita, di origine o di adozione, che abbiano dato lustro alla Sardegna a livello nazionale ed internazionale. La conduzione della serata, come nelle precedenti edizioni, è affidata alla giornalista televisiva Egidiangela Sechi.

L’albo d’oro è ricchissimo, nelle precedenti diciannove edizioni hanno ottenuto l’ambito riconoscimento 126 personalità, fra le quali, il presidente della Repubblica emerito Francesco Cossiga; il comandante generale dei carabinieri Gianfranco Siazzu, l’ambasciatore Ettore Sequi, il designer della Ferrari, Flavio Manzoni, il fondatore di Porto Rotondo Luigi Donà Dalle Rose, la Brigata Sassari; l’artista Maria Lai; gli scrittori: Salvatore Mannuzzu, Marcello Fois, Salvatore Niffoi, Elvira Serra; i registi: Antonello Grimaldi, Peter Marcia, Salvatore Mereu, Igort; i giornalisti: Giovanni Floris, Bianca Berlinguer, Mariangela Pira, Mario Sechi, Luca Telese, Donatella Bianchi, Tessa Gelisio, Beppe Severgnini, Daria Bignardi; i musicisti: Anna Tifu, Paolo Fresu, Enzo Favata, Moses; i cantanti: Dori Ghezzi, Franca Masu, Bianca Atzei, Elena Ledda; gli attori e personaggi televisivi: Caterina Murino, Geppi Cucciari, Elisabetta Canalis, Melissa Satta, Enrica Pintore, Jacopo Cullin; gli scienziati: Paolo Mancosu (preside della Berkeley University), Francesco Muntoni (neurologo), Simona Murgia (astrofisica), Luca Pani (neuroscienziato–Direttore AIFA), Lia Palomba (oncologa), Giovanni Sanna (primario reumatologo in Inghilterra).

La cerimonia di premiazione gode del patrocinio del Comune di Olbia, della Fondazione di Sardegna e del Consorzio di Portorotondo ed è sostenuta dagli sponsor: Banco di Sardegna, Welcome to Sardinia, Eurotarget Viaggi, Hotel Sporting, Hotel Abi d’Oru, Hotel Villa del Golfo, Hotel Gabbiano Azzurro.



In Primo Piano
Il caso

Siniscola, Giovanni Bomboi dopo gli spari al Consorzio: «Ero esasperato, sono pentito. Non volevo ferire nessuno»

di Sergio Secci
Le nostre iniziative