La Nuova Sardegna

buongusto
Buon Gusto! Speciale torte

Red velvet, sacher, pavlova e tiramisù: la torta è la regina della tavola

Red velvet, sacher, pavlova e tiramisù: la torta è la regina della tavola

Tutte le curiosità, i luoghi di origine e il perché dei nomi dei dolci che piacciono a bambini e adulti

15 marzo 2024
3 MINUTI DI LETTURA





Dalla sacher alla tarte tatin, dalla red velvet a un superclassico: la torta di mele o apple pie. Sono tante, tutte buone e famose, alcune più delle altre perché conosciute e amate in tutto il mondo. La torta ha un grande potere: porta gioia a tavola, sa di festa e buonumore. E non importa se viene sfornata a casa con una ricetta semplice o se si tratta di un dolce di altissima pasticceria: la torta piace sempre, ai bambini come agli adulti. Difficile fare una classifica di quelle più amate, di sicuro molte di loro sono contese da diversi Paesi che si vantano di avere dato vita alla ricetta originale. Alcune hanno però natali e inventori certi e indiscussi.

Per esempio la pavlova, un dolce prettamente estivo con panna, frutta fresce e meringa: la torta arriva dalla Nuova Zelanda e fu lo chef australiano Berth Sachse a crearla negli anni ’20 per una ballerina, Anna Pavlola, di cui si era innamorato. Proprio la meringa simboleggia il tutù bianco indossato dalla danzatrice.

Ha origini austriache la sacher, torta al cioccolato per eccellenza. È il dolce viennese più amato al mondo e venne inventato nella capitale austriaca, precisamente nell’hotel Sacher, dal giovanissimo pasticcere Franz Sacher nel luglio 1832 per il principe Klemens von Metternich: due strati di pasta di cioccolato contengono all’interno una confettura di albicocche o ciliegie, il tutto ricoperto da glassa di cioccolato fondente. È americana invece la Red velvet, letteralmente torta di velluto rosso: aspetto inconfondibile, ricetta a base di cacao, formaggio e aggiunta di barbabietola, è uno dei dolci preferiti per San Valentino.

L’elenco continua con la delicatissima ed elegante tarte tatin: origini francesi, si realizza con mele renette o chantecler e pasta brisée. Si tratta di una torta di mele capovolta in cui le mele sono caramellate in burro e zucchero prima della cottura del dolce. E poi appunto la torta di mele o apple pie: dolce diffuso e apprezzato in tutto il mondo, forse nato nel Regno Unito e immancabile nella cucina italiana, nella versione basic o accompagnata da panna montata o gelato. Tra le più amate c’è anche la cheese cake, apprezzata molto anche in Italia. È composta da una base di pasta biscotto su cui viene poggiato un alto strato di crema di formaggio fresco e zuccherato. La ricetta è spesso arricchita con l'aggiunta di frutta fresca, marmellata o cioccolato sulla parte superiore.

Ancora, ecco la foresta nera, torta sontuosa nata in Germania, formata da diversi strati di pan di spagna al cacao e farcitura di crema chantilly, amarene sciroppate e aromatizzata al kirsch. Gusto forte e inconfondibile come quello dell’italianissimo tiramisù: nato tra Veneto e Friuli Venezia-Giulia, in pochi decenni è diventato famoso in tutto il mondo. È realizzato con una crema di mascarpone e uova e ha una base di savoiardi (o altri biscotti secchi) inzuppati nel caffè, immancabile la guarnizione con cacao amaro. Servito come dolce al cucchiaio o vera o propria torta, poco cambia: la bontà è assicurata. (si. sa.)

In Primo Piano
Verso il voto

Gianfranco Ganau: sosterrò la candidatura di Giuseppe Mascia a sindaco di Sassari

Le nostre iniziative