La Nuova Sardegna

buongusto
Speciale olio

Masoni Becciu, in 15 anni l’azienda olivicola di Villacidro ha scalato le classifiche mondiali

di Enrico Gaviano
Nicola Solinas guida l'Azienda olivicola di Villacidro "Masoni Becciu"
Nicola Solinas guida l'Azienda olivicola di Villacidro "Masoni Becciu"

Dall’intuizione di Valentina Deidda e Nicola Solinas, moglie e martito, è nato un prodotto che sta raccogliendo premi prestigiosi

22 marzo 2024
3 MINUTI DI LETTURA





Quindici anni e un successo travolgente, testimoniato dalle decine di premi e riconoscimenti che ogni anno riceve l’azienda olivicola di Villacidro Masoni Becciu. Un vero fenomeno nel panorama produttivo isolano. Alla guida c’è Valentina Deidda, affiancata dal marito Nicola Solinas. 47 anni lei, 48 anni lui, entrambi agronomi e appassionatissimi tanto da far cresce in maniera esponenziale la loro azienda. Tutto è cominciato con i genitori di Valentina: mamma Franca Maria Serra, proprietaria di un terreno di 5 ettari e papà Giovanni Deidda.

Hanno iniziato la produzione di olio e presto è arrivato anche il nome, registrato, grazie a un’intuizione del fratello di Giovanni, lo zio di Valentina, quel Filippo Deidda chef del ristorante stellato “Il Corsaro” che consigliò di dare un nome a quel prodotto.

«Il nome scelto – racconta Nicola Solinas – fu quello del toponimo del luogo: Masoni Becciu, cioè vecchio ovile. Il battesimo ha portato evidentemente molto bene». Nel 2009 i due agronomi hanno deciso di prendere in mano le redini dell’azienda. «Le olive di questa terra sono eccezionali. Io e Valentina ci abbiamo messo impegno, passione e le nostre conoscenze raccolte negli anni di studio e con l’esperienza. E i risultati ci dicono che abbiamo costruito, grazie al punto di partenza dato dai miei suoceri, qualcosa di solido».

E i numeri sono lì a testimoniarlo. «Siamo passati dai 5 ettari iniziali a 65, e il successo nelle vendite e i riconoscimenti che arrivano ci inducono a prendere altri terreni – spiegano –. La produzione è passata dai 1000 litri all’anno ai circa 50mila attuali. Con 4 dipendenti fissi che diventano 12 stagione di raccolto. Ma non ci sentiamo arrivati. Si deve sempre tentare di migliorare». La produzione comprende 4 tipi di olio biologico e uno di olive da tavola.

«Abbiamo il Masoni Becciu, il nostro classico – dicono Valentina e Nicola – un blend che si chiama Cuncordu, e ancora l’Alphabetum e infine lo Spiritu Santu. Tutti olii d’eccellenza e di qualità davvero molto elevate, con sapori intensi e decisi. Le olive utilizzate vengono raccolte un po’ prima per poter dare il massimo delle potenzialità anche se si perde qualcosa. Abbiamo le olive nere di Villacidro, le Bosane, le Semidana e le nere di Gonnosfanadiga; per il prodotto da tavola in salamoia usiamo queste ultime». L’azienda di Villacidro si trova a poca distanza dalle cascate di Sa Spendula e con annesso frantoio proprio. È diventata anche una attrazione turistica. «Tanti arrivano a Villacidro per visitarci. Abbiamo anche già avviato un turismo rurale, con accoglienza, che piace tanto agli stranieri in particolare ai giapponesi – dice Solinas –. Vengono qui e seguono un percorso didattico in cui pagano per il soggiorno, raccolgono le olive e poi si comprano l’olio prodotto».

Innumerevoli i riconoscimenti raccolti a livello italiano e internazionale. L’ultimo per Masoni Becciu è arrivato proprio qualche giorno fa a Firenze. Si tratta del premio “Il Magnifico”, come miglior olio d’Europa. «Si sono confrontati centinaia di concorrenti da Italia, Spagna, Francia, Portogallo, Grecia, Turchia ,Creta, Slovenia e Croazia e ha vinto il nostro Alphabetum, fatto con le olive nere di Villacidro. A questo premio abbiamo aggiunto a cascata anche quelli di miglior olio sardo, insulare e italiano». Per questo riconoscimento c’è una dedica speciale, di Valentina Deidda, che ha superato un grosso problema di salute. “Una grande emozione da dedicare a tutte le persone che soffrono».

In Primo Piano
La polemica

Pro vita e aborto, nell’isola è allarme per le nuove norme

di Andrea Sin
Le nostre iniziative