La Nuova Sardegna

Cagliari

Punta un laser su un elicottero militare in volo, denunciato

di Luciano Onnis
Punta un laser su un elicottero militare in volo, denunciato

Diciannovenne di Serramanna nei guai per aver disturbato un velivolo diretto al poligono di Capo Frasca

29 agosto 2014
2 MINUTI DI LETTURA





SERRAMANNA. Con un puntatore laser ha ostacolato il volo di un elicottero militare che dalla base di Decimomannu seguiva la rotta in direzione del poligono di Capo Frasca.

L'equipaggio del veivolo, abbagliato ripetutamente dal raggio laser, è riuscito a individuare con certezza la verticale del punto di origine del puntamento e ha trasmesso via radio alla torre di controllo di Decimo le coordinate, che a sua volta le ha trasmesse alla centrale operativa della compagnia carabinieri di Sanluri, che le ha rigirate alla stazione di Serramanna, comune da cui era stato irradiato il reggio laser.

Tempo una decina di minuti e i militari hanno raggiunto il punto preciso segnalato. Era l'abitazione del diciannovenne R.F., che davanti all'evidenza delle contestazioni non ha potuto far altro che confessare e consegnare ai militari il puntatore laser irradiante luce verde. È stato denunciato per turbativa di volo aereo.

Il fatto è accaduto nel tardo pomeriggio. Un elicottero del 15° Stormo 80° Centro Csar dell'aeronautica militare di base a Decimomannu stava percorrendo la rotta per il poligono di addestramento al tiro aereo di Capo Frasca quando il pilota e il personale di bordo si sono trovati abbagliati ripetutamente da un raggio laser verde.

Inutili i tentativi di evitare il fascio di luce, che seguiva l'elicottero nella sua rotta. L'equipaggio ha potuto comunque proseguire senza danni la missione, segnalando però l'accaduto alla base e da questa ai carabinieri del paese da una cui abitazione era stato puntato sul veivolo il raggio laser.

Le informazioni fornite dall'equipaggio, grazie alle strumentazioni di bordo, sono state inoltrate ai carabinieri di Serramanna. Non c'è voluto molto tempo perché i militari dell'Arma si presentassero nell'abitazione individuata come origine del fascio di luce puntato sull'elicottero militare. È così emerso che a compiere la bravata era stato il figlio diciannovenne dei della famiglia abitante la casa. Il ragazzo ha ammesso le sue responsabilità e consegnato il puntatore laser.

In Primo Piano
Incidente

Scontro fra auto in galleria sulla Nuoro-Lanusei: due feriti gravi

Le nostre iniziative