La Nuova Sardegna

Cagliari

Edizione 2023

Sant’Efisio, la festa di tutti i sardi

di Enrico Gaviano

	Il cocchio del Santo ancora nella chiesetta di Stampace riceve l&#39;omaggio dei fedeli e dei visitatori prima del&nbsp;pellegrinaggio<em> (foto Mario Rosas)</em>
Il cocchio del Santo ancora nella chiesetta di Stampace riceve l'omaggio dei fedeli e dei visitatori prima del pellegrinaggio (foto Mario Rosas)

Il rito che ha attraversato i secoli si rinnova per la 367esima volta con la partecipazione dei gruppi provenienti da tutta l’isola. La partenza è dalla chiesetta nel quartiere Stampace a Cagliari alla volta della spiaggia di Nora dove il Santo fu martirizzato

01 maggio 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Cagliari C’è un legame stretto fra Sant’Efisio e la Sardegna. Non solo perché il santo martire è patrono dell’isola, ma soprattutto perché la processione del primo maggio, il pellegrinaggio sino a Nora, il ritorno il 4 maggio nella chiesetta di Stampace, contribuiscono a riunire intorno al simulacro un’intera comunità. Un rito che ha attraversato i secoli, arrivando alla 367a volta, e che vedrà sfilare oltre 3mila devoti a precedere Sant’Efisio e il suo cocchio dorato. Costumi che arrivano da ogni angolo dell’isola in una rappresentazione fedele della tradizione oltre che della devozione isolana. Un susseguirsi di volti, colori, suoni, immagini che lasciano sempre a bocca aperta i turisti che arrivano ogni anno a seguire la processione più lunga d’Europa ma anche i cagliaritani che continuano a non mancare all’appuntamento. Il primo atto della Festa sarà suggellato davanti al Municipio, con il saluto del sindaco e con il suono delle sirene delle navi ormeggiate al porto di Cagliari. Poi inizierà il lungo cammino in cui il Santo, lasciata l’immensa platea che lo ammira nel percorso cagliaritano, viene sempre accompagnato dai fedeli, tanti, perché il simulacro deve avere il seguito che merita. E allora ecco i passaggi a Giorgino, quindi le tappe a Su Loi, Capoterra e Sarroch, e ancora Villa San Pietro, Pula e Nora. Infine il ritorno emozionante del 4 sera, quando il voto verrà sciolto con il classico saluto finale: “Attrus annus mellus”.

In Primo Piano
Lo choc

Sassari, maxi bolletta da mezzo milione: Abbanoa pignora i conti correnti

di Davide Pinna

Video

Pale eoliche in partenza da Oristano per Villacidro: manifestanti cercano di fermare il trasporto

Le nostre iniziative