La Nuova Sardegna

Cagliari

La cerimonia

Festa della polizia a Cagliari, il questore Lavezzaro presenta il bilancio dell’ultimo anno

di Luciano Onnis
Festa della polizia a Cagliari, il questore Lavezzaro presenta il bilancio dell’ultimo anno

L’appuntamento è stata l’occasione per la consegna degli encomi al personale di polizia che si è distinto nel servizio

10 aprile 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Cagliari Quella di Cagliari è una provincia senza grandi problemi di ordine pubblico e di criminalità, a c’è una crescita del numero delle persone arrestate, passate da 311 del 2022 alle 407 del  2023. È uno dei dati emersi  dal bilancio che questa mattina 10 aprile ha tracciato il questore di Cagliari Rosanna Lavezzaro in occasione della celebrazione nel capoluogo sardo, al pari delle altre città isolane capoluogo di provincia e in quelle di tutta Italia, delle cerimonie per il 172/o anniversario di fondazione della Polizia di Stato. A Cagliari, preceduta dalla deposizione di una corona di alloro davanti alla lapide che fuori dall’ingresso della questura ricorda i poliziotti morti nell’adempimento del servizio, la cerimonia si è tenuta al teatro “Carmen Melis” di via Sant’Alenixedda, presenti le principali autorità civili, militari e religiose della provincia.

L’anniversario è stata occasione per tracciare un bilancio dei risultati ottenuti dalla Questura cagliaritana negli ultimi 12 mesi. La Squadra mobile, principalmente con il Gruppo Falchi, ha sequestrato quasi 167 chili di droga di varia tipologia in diverse operazioni compiute sia in città che nel resto della provincia e perfino della regione. Sono invece diminuiti gli sbarchi irregolari di migranti irregolari sulle coste del Sud Sardegna, passati da 1820 a 675. Nelle attività della Questura figurano anche 66 Daspo emessi dal questore nei confronti di tifosi ultras del Cagliari resisi responsabili di episodi di violenza in occasione di partite interne. La questora Rosanna Lavezzaro si è soffermata sul lavoro svolto dai singoli uffici dalla divisione Amministrativa che si è impegnata per risolvere i problemi del rilascio dei passaporti consegnandone 33.590 nuovi, all’Ufficio prevenzione generale con oltre 500mila persone identificate, fino alla squadra mobile particolarmente impegnata per il contrasto della violenza di genere con oltre 20 provvedimenti nell’ultimo anno.

«Nonostante gli innumerevoli sforzi profusi dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza, dalle Questure e dall’autorità giudiziaria sul fronte delle violenze di genere, non possiamo certo dirci soddisfatti del risultato – ha  precisato Rosanna Lavezzaro – se andiamo a considerare che in Italia ogni quattro giorni accade l’uccisione di una donna. Mi sento colpita tre volte allo stesso modo da questo drammatico dato: come appartenente al genere femminile, come mamma e come rappresentante delle forze dell’ordine». La cerimonia si è conclusa con la consegna degli encomi al personale di polizia che si è distinto nel servizio.

In Primo Piano
Emergenza

Siccità, nuove restrizioni. Ambrogio Guiso: «Un massacro per le campagne»

di Salvatore Santoni
Le nostre iniziative