Atzara, vendemmia al via attesa un’annata positiva

In tutte le campagne del Mandrolisai fervono i preparativi per la grande festa Il sindaco Corona: «Il nostro patrimonio vinicolo merita di essere valorizzato»

ATZARA. L’autunno è arrivato e nei vigneti del Mandrolisai, sono già iniziate le operazioni di vendemmia. Che quest’anno sembra promettere bene in tutto il territorio. In questi giorni i tecnici del servizio territoriale di Laore stanno visitando le aziende agricole per offrire supporto. Come da tradizione vengono misurati i gradi di zuccherina e valutata la salubrità delle uve. E i riscontri sembrano buoni un poco dappertutto.

Per il territorio quindi si annuncia una vendemmia di qualità e di quantità buona. Sono iniziati anche i conferimenti alla cantina del Mandrolisai, che ha avuto non pochi successi nello scorso anno. E di recente ha ritirato alcuni premi di valore in happening enologici nazionali. Al lavoro anche i viticoltori di Meana Sardo, Ortueri e Samugheo. Molto atteso il vino 2016 anche ad Atzara, ove i viticoltori hanno messo grande impegno per ottenere una uva di qualità.

I recenti successi nel mercato e nei vari concorsi enologici da parte delle cantine atzaresi hanno spinto i viticoltori locali ad incrementare la produzione e migliorare i dettagli colturali. A fianco della vecchia metodologia, sono stati utilizzati nuovi criteri colturali. Il tutto senza utilizzare medicinali sistemici o altri farmaci per non compromettere la biologicità del raccolto.

«La gente – spiega il sindaco Alessandro Corona – ha compreso che l’investimento in qualità ripaga sempre. Occorre naturalmente adattarsi al cambiamento dei tempi. Ma la ricetta tradizionale è sempre quella che consente di tenere una qualità elevata e che caratterizza le nostre uve. Bisogna cambiare qualcosa a livello di mercato e di promozione dei prodotti locali».

E su questo il sindaco atzarese si fa promotore di un progetto che coinvolge tutta l’area del Mandrolisai.

«Abbiamo un patrimonio vinicolo – aggiunge il primo cittadino – che merita di essere valorizzato con un marketing comune. Il Mandrolisai – aggiunge il primo cittadino di Atzara – è un brand che deve consentire un rilancio economico della zona. Auspichiamo in un lavoro comune tra sindaci del territorio e produttori per avviare un progetto unitario».

Altra proposta è quella della borsa della viticoltura. «È una vecchia idea – conclude Corona – che potrebbe essere una sfida interessante per il futuro. I tempi non sono ancora maturi. Ma già parlarne sarebbe importantissimo».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

WsStaticBoxes WsStaticBoxes