L’Eliseo inaugura dieci giornate ecosostenibili

Il Ten lancia un percorso “green” tra mostre fotografiche, film, allestimenti ed esperienze formative

NUORO. Dieci giorni verdi per iniziare a mettere il seme di una città più ecocompatibile. Non uno slogan, né tantomeno una parola vuota, ma che va riempita comunque di contenuti. È quello che sta facendo Sardegna Teatro, realtà che gestisce il teatro Eliseo di Nuoro. Per centrare la mission propone nei suoi spazi TENGreen - Radici nel futuro, un nuovo format pensato per attivare nel territorio dei processi culturali che mirano a raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile. Si tratta di un nuovo format pensato per restituire alla città un luogo del benessere, un teatro ecologico e rinnovato che accresca nella comunità che lo abita, la consapevolezza dei benefici dello stile di vita sostenibile. GreenTen sarà anche uno spazio di condivisione e socializzazione e propone - attraverso esperienze formative - attività di approfondimento e diffusione di buone pratiche, improntate alla tutela del nostro patrimonio ambientale.

Si comincia il 5 giugno, alle 21.30, in occasione della Giornata mondiale dell’ambiente, con la produzione Sardegna Teatro L’avvoltoio, incentrata sul tema degli insediamenti militari in Sardegna. Sempre il 5 alle 20, ci sarà Il teatro che non si vede - Dimmi cosa vuoi vedere, audio-descrizione dello spettacolo Earthbound ovvero le storie delle Camille, di e con Marta Cuscunà. Si parte anche con l’allestimento “Habitat vegatale”, in collaborazione con Forestas - servizio territoriale di Nuoro – a occupare gli spazi interni del Teatro Eliseo con l’installazione permanente di un habitat vegetale. Il quartiere Santu Predu dal 5 al 15 giugno ospiterà una mostra a cielo aperto delle opere di Gianni Casagrande, a cura di Mancaspazio, dal titolo Non mi prenderò cura di te, per raccontare il rapporto fra umano e natura, attraverso le opere del pittore nuorese. Mentre dal 6 giugno, alle ore 18.30 nella TENGallery ci sarà l’inaugurazione della mostra fotografica di Francesca Corriga “Rapide fughe”. Si prosegue il 9 e 10 giugno alle ore 21 con Giotto – studio per una tragedia, spettacolo di Giuseppe Provinzano sulla tragedia avvenuta a Genova per il G8. Il 10 giugno TENGreen esce fuori dagli spazi del Teatro con un’escursione esperenziale sul Monte Ortobene. Alle ore 17 il Ceas guiderà in un percorso contemplativo alla riscoperta del legame con la natura. L’11 giugno sarà proiettato il film di Mario Piredda L’agnello, inserito anche nella rassegna Riflessi TenCinema - Fondazione Sardegna Film Commission, in cui nuovamente torna il tema delle servitù militari in Sardegna. Si va al 15 giugno, si propone l’evento di presentazione del progetto Next Generation City Nuoro, in collaborazione conl’assessorato Programmazione e Agenda 2030 Comune di Nuoro e Europe Direct Nuoro. Gli eventi sono stati illustrati ieri. Sono intervenuti: Paola Masala e Marco Moledda: coordinatori del TEN Teatro Eliseo Nuoro, Basilio Scalas, presidente Teatro di Sardegna, Massimo Mancini direttore generale Teatro di Sardegna, il sindaco Andrea Soddu, Filippo Spanu assessore programmazione, Valeria Romagna assessore Paesaggio e Ambiente, Salvatore Mele, direttore generale Forestas, Micaela Deiana, Sardegna Film Commission, Giuseppe Serra associazione Madriche, Chiara Manca Galleria Mancaspazio e Gianluca Caciotto del Ceas. Dal 5 giugno si inaugura la TENTV - in collaborazione con Mousiké.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes