Budoni punta sul biologico con il mercato settimanale

Dopo anni di assenza i produttori tornano in piazza del Popolo ogni mercoledì Il giorno successivo tocca a Campagna amica in collaborazione con Coldiretti

BUDONI. Da qualche anno anche a Budoni si assiste a un ritorno dei giovani verso il mondo della campagna, sono sorte infatti numerose attività legate alla coltivazione e vendita diretta di prodotti ortofrutticoli. Punti vendita che, particolarmente nei mesi centrali dell’estate, sono particolarmente affollati dai vacanzieri desiderosi di portare a casa frutta e verdura coltivata in maniera biologica e naturale. Anche per venire incontro alle esigenze di questi piccoli produttori, riparte al centro del paese il mercato settimanale che torna in piazza del Popolo dopo alcuni anni alcuni di forzato trasferimento in periferia per permettere alcuni lavori di riqualificazione urbana e la realizzazione di un ampio parcheggio. L’inaugurazione è prevista per mercoledì prossimo 16 giugno in maniera tale da ridare centralità al mercatino tradizionale, luogo di grande valorizzazione sociale e promozione di prodotti autoctoni.

L’assessore al commercio del Comune, Ivan Zedda, comunica che la medesima piazza ospiterà una volta alla settimana (al giovedì) anche la “Campagna Amica” promossa da Coldiretti con prodotti ortofrutticoli rigorosamente a km zero. Con stand che ospiteranno fruttae verdura, ma anche uova, olio, vino, miele, marmellate e tanto altro. «Il mercato agroalimentare è una grande ricchezza e non soltanto per chi ci lavora ma anche per chi lo frequenta – dice l’assessore –. La sua riapertura è importante anche dal punto di vista sociale, permettendo alla popolazione e ai primi turisti di frequentarsi nuovamente seppure nel rispetto delle regole imposte dall'emergenza sanitaria. Vogliamo puntare sulla valorizzazione dei prodotti agroalimentari e artigianali del territorio – prosegue Zedda –. Si parla spesso di prodotti sostenibili e non esiste un punto vendita più sostenibile del mercato con a merce che si sposta il minimo indispensabile per passare dal produttore al consumatore finale. Il nostro obbiettivo – conclude l’assessore comunale – è avviare una collaborazione sempre più proficua con il settore agroalimentare del territorio visto che molti giovani si stanno riavvicinando finalmente alla terra ed è giusto, dar loro un luogo dove esporre i frutti del loro lavoro. Ma vorrei anche coinvolgere di più gli artigiani locali per promuovere ciò che siamo capaci di realizzare e offrire anche nei mesi non prettamente estivi, affinché il mercato non sia solo ad uso e consumo dei residenti, ma pian piano possa diventare un mezzo di attrazione e promozione turistica, andando a sommarsi a i tanti servizi che offriamo da tempo».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

WsStaticBoxes WsStaticBoxes