Salvataggio a mare, il servizio continua anche a settembre

Dorgali. Garantita la copertura a Cala Luna, Osala e Cartoe La sindaca: «L’appalto rinnovato con diverse proroghe»

DORGALI. Il servizio di salvataggio a mare continua anche per il mese di settembre. La ditta che ha in appalto il servizio, per conto del Comune di Dorgali, ha confermato che continuerà a garantire la copertura delle tre postazioni di Cala Luna, Osala e Cartoe.

«Quando siamo entrati in Comune – spiega la sindaca Itria Fancello – l’appalto era gestito attraverso rimborsi e spese e i bagnini erano volontari, che mensilmente percepivano poche centinaia di euro per il loro importante lavoro. Sin dal 2017, a tutela della dignità e della professionalità dei bagnini, abbiamo deciso di potenziare il servizio, sia in termini di tempo (abbiamo aumentato il periodo per coprire anche i cosiddetti “mesi spalla”) sia, soprattutto, aumentando considerevolmente le risorse a disposizione per l’appalto: da allora, abbiamo sempre garantito ai bagnini stipendi congrui, nel pieno rispetto del contratto e di ogni tutela di legge. Quest’anno, a causa delle difficoltà e delle incognite legate alla gestione della pandemia, si è valutato (sin da inizio stagione) come più prudente mandare avanti l’appalto a proroghe successive. Nonostante le rassicurazioni offerte negli ultimi giorni in merito al fatto che ci impegnavamo a riconfermare il servizio con 7 persone almeno fino al 19 settembre, la ditta ci ha tuttavia comunicato ufficialmente che è in grado di proseguire il servizio solo con quattro bagnini (che comunque permetteranno di coprire le tre postazioni di salvataggio) anziché con 7».

«Ci è dispiaciuto – sottolinea la sindaca – sentir che parte del malcontento di questi giorni sarebbe frutto di pagamenti avvenuti in ritardo, perché sappiamo che il Comune ha sempre liquidato le fatture alla ditta dopo pochi giorni dal loro ricevimento (anche in pieno agosto) e perché non ci sembra giusto che i lavoratori debbano aspettare più del dovuto per ricevere la loro giusta retribuzione. Ci rimane la grande amarezza di dover rimodulare in corsa un servizio che abbiamo sempre reputato tra i più importanti, per il quale eravamo pronti a disporre le risorse necessarie per riconfermare tutti e 7 i lavoratori fino al 19 settembre». «Amarezza – aggiunge – a cui si somma il rammarico per il malcontento, manifestato da parte di alcuni giovani compaesani, sulla gestione del servizio -A loro e a tutti i bagnini va il nostro ringraziamento per l’eccellente lavoro svolto finora: vi auguriamo di cuore in bocca al lupo e ogni fortuna».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

WsStaticBoxes WsStaticBoxes