A Bosa luminarie al centro delle polemiche

Vie cittadine abbellite in forte ritardo, contestate le immagini proiettate sulla chiesa del Carmine

BOSA. Superate le difficoltà burocratiche e non senza qualche problema anche per il maltempo, dai giorni scorsi il Corso ed il centro di Bosa è illuminato dalle installazioni natalizie. Che generalmente sembrano raccogliere il consenso dei cittadini, anche se non manca una scia polemica per il tema proiettato sulla facciata della chiesa del Carmine, questo almeno il rilievo mosso dalla capogruppo di opposizione Rosalia Acca. Nei giorni scorsi, durante la presentazione del programma di eventi di Natale e fine anno gli amministratori avevano previsto la posa delle luminarie entro l’otto dicembre. Purtroppo tre gare d’appalto sono andate deserte, abbiamo dovuto seguire un altro percorso. Quindi il maltempo, con intense giornate di pioggia e vento, ci ha messo del suo, ed è saltata anche la data dell’Immacolata.

La ditta incaricata dal Comune ha quindi lavorato nel successivo fine settimana, stoicamente considerate le persistenti e copiose piogge che hanno caratterizzato anche questo avvio di dicembre. Tra le installazioni luminose era prevista anche la sistemazione di due potenti proiettori. A fare da sfondo ai temi natalizi e di auguri le facciate delle case attorno a piazza Fontana, a due passi dal Corso, e la chiesa del Carmine. «In questo caso credo si potesse prevedere la proiezione di un’immagine più consona e attinente all’ingresso di un luogo sacro», il sunto del commento della consigliera d’opposizione Rosalia Acca via social.

«Ci è stato proposto un campionario di immagini su cui scegliere e questa crediamo sia la soluzione migliore rispetto a quelle presenti. Non si poteva indicare un’immagine a piacere», replica, interpellato sull’argomento, il consigliere di maggioranza Vincenzo Vadilonga.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes