La Nuova Sardegna

Nuoro

L’emergenza giustizia

Tribunale a rischio paralisi: in campo gli avvocati e il prefetto

di Valeria Gianoglio
Tribunale a rischio paralisi: in campo gli avvocati e il prefetto

Nuoro, sul caso delle carenze nel servizio notifiche oggi si riunisce il foro barbaricino. E Dionisi convoca un tavolo tecnico

19 aprile 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Nuoro La denuncia coraggiosa da parte del presidente del tribunale, Mauro Pusceddu, non è rimasta come voce solitaria, nel segnalare il rischio paralisi della giustizia perché, a causa di profonde carenze di organico all’ufficio Unep, e di problemi con il servizio postale, stanno saltando centinaia di notifiche alle parti in causa. E con esse, per “omessa notifica”, sta saltando anche una media di cento udienze alla settimana. Dopo il comunicato del numero uno dei magistrati nuoresi, dopo una interrogazione al ministro della Giustizia da parte dal deputato di Forza Italia, Pietro Pittalis, e un incontro degli avvocati nuoresi, oggi il foro barbaricino torna a riunirsi per discutere della vicenda. E tira forte il vento di un’astensione dalle udienze o di qualche altra forma di protesta decisa. Ma non solo: anche la Prefettura, che già nei giorni scorsi aveva raccolto la richiesta di aiuto da parte del presidente del tribunale, sostenuto dalla procuratrice Patrizia Castaldini, e dal presidente dell’ordine forense, Lorenzo Soro, mantiene alta l’attenzione sulla vicenda e sul rischio paralisi della giustizia penale e civile che deriva anche dalla «mancata o tardiva notifica degli atti giudiziari riconducibile ai disservizi postali». Il prefetto, Giancarlo Dionisi, ha annunciato la convocazione, nei prossimi giorni, di una «nuova seduta del tavolo permanente inaugurato lo scorso 20 dicembre sulla problematica dei disservizi postali in provincia di Nuoro».

All’incontro, spiega la Prefettura, saranno chiamati a partecipare i responsabili territoriali e centrali di Poste Italiane. Infatti, precisano i vertici del palazzo di via Deffenu, «nonostante le ampie rassicurazioni fornite dalla dirigenza di Poste nei mesi precedenti, il servizio erogato a cittadini, imprese e amministrazioni non appare significativamente migliorato». «Esprimo la massima preoccupazione per la situazione venutasi a creare nel Tribunale di Nuoro e in quello di Lanusei, dove la regolarità dell’attività di notifica non è puntualmente garantita anche per il malfunzionamento del servizio postale, determinando il sostanziale arresto delle funzioni amministrativa e giurisdizionale – spiega il prefetto Giancarlo Dionisi – vorrei ricordare che la ragionevole durata dei processi è componente fondamentale della tutela giurisdizionale, costituzionalmente garantita e rappresenta uno dei principali capisaldi della democrazia. Se viene meno questo diritto o, comunque, risulta estremamente difficile e farraginoso esercitarlo, il privato può essere spinto a rinunciarvi o, purtroppo, a tutelarsi con modalità illegali. Si possono quindi creare forti turbative all’ordine e alla sicurezza pubblica tali da incrinare le condizioni di serena e pacifica convivenza e vivibilità del nostro territorio, oltre a inceppare i meccanismi legali che consentono la crescita di una economia sana, sociale e produttiva».

In Primo Piano
Allarme

Emergenza siccità, la Baronia come il Texas: asciutti anche i pozzi

di Alessandro Mele
Le nostre iniziative