Rifiuti, il contenzioso tra Comune e Ciclat approda in Consiglio 

La Maddalena, interrogazione del gruppo di opposizione Sirena: a che punto è l’iter di rescissione del contratto?

LA MADDALENA. Il gruppo di opposizione “Il Vento che cambia” in una interrogazione chiede chiarimenti all’amministrazione comunale sulla procedura avviata dal Comune per la rescissione del contratto del servizio di nettezza urbana con la Ciclat Ambiente. «La notizia venne data dall’assessore Gianluca Cataldi, delegato all’Igiene urbana, nella seduta consiliare del 21 dicembre 2016 – dice il consigliere di minoranza Roberto Sirena. Il gestore del servizio, nel respingere le contestazioni comunicava di aver avviato diverse azioni legali al fine di vedersi riconosciute le somme indebitamente trattenute dall’amministrazione sotto forma di penali completamente illegittime. Lo stesso ufficio tecnico del Comune intimava alla Ciclat il rispetto dei termini contrattuali. Ora – sottolinea Sirena –, con l’ arrivo della stagione estiva e l’afflusso maggiore di turisti, c’è grande preoccupazione su questo tema che potrebbe avere risvolti sulla salute e l’igiene pubblica». La minoranza chiede di sapere a che punto è l’iter di rescissione e di conoscere le motivazioni nel caso in cui non sia stato completato. Sulle vicende giudiziarie in corso l’amministrazione al momento non commenta, l’argomento sarà comunque portato nel question time del consiglio comunale di domani, convocato alle 9. Gli amministratori per legge hanno comunque 30 giorni di tempo per la risposta scritta.

Differenziata in Sul fronte dei dati, la raccolta differenziata si attesta su percentuali alte: quasi il 77% nel primo trimestre dell’anno, oltre 2 punti in più rispetto allo stesso periodo del 2016. Nei primi quattro mesi del 2017 la percentuale più alta si è registrata ad aprile, si è sfiorato l’80% l’equivalente di 492mila chilogrammi di rifiuti, un 20% di questi sono non riciclabili. La media complessiva nel 2016 è stata del 76%. Il gettito della tassa dei rifiuti è di circa 3milioni 800mila euro. Il canone mensile corrisposto dal Comune alla Ciclat è di 222mila euro, nel 2016 per i costi dei trattamenti rifiuti sono stati spesi in totale 650mila euro.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes