Crollano le donazioni resta l’emergenza sangue

L’appello della Assl: «Raccolte in totale sicurezza, prendete un appuntamento» I percorsi itineranti dell’autoemoteca in tutta la Gallura: oggi la tappa è a Palau

OLBIA. Pochissime donazioni. E l’emergenza sangue è sempre forte. Ci sono stati giorni, negli ultimi tempi, in cui il centro trasfusionale del Giovanni Paolo II ha accolto un solo donatore, al massimo due. Perché sono in tanti ad avere paura.

E’ per questo motivo che la Assl di Olbia ha deciso di lanciare un appello, affinché chi ha sempre compiuto questo generoso e importantissimo gesto, continui a farsi avanti. In totale sicurezza. «L’emergenza Coronavirus - conferma la Assl in una nota - ha determinato un calo della raccolta di sangue. In accordo con l’Avis invitiamo dunque i cittadini a prendere un appuntamento per avvicinarsi alla donazione. La donazione è sicura e sono state predisposte modalità di raccolta per evitare assembramenti e assicurare la distanza tra le persone di almeno un metro».

La Assl ricorda poi «che le donazioni di sangue ed emocomponenti rientrano tra le "situazioni di necessità" previste nel decreto del presidente del Consiglio del 9 marzo 2020. Pertanto, sono consentiti gli spostamenti dei donatori che si recano al centro trasfusionale o all'autoemoteca».

I centri trasfusionali degli ospedali di Olbia e Tempio sono aperti tutti i giorni, dalle 8 alle 12,30 per le donazioni. Per informazioni basta contattarli ai seguenti numeri: 0789/552944 (Olbia) e 079/678227 (Tempio).

Intanto vanno avanti le raccolte itineranti di aprile organizzate a bordo dell’autoemoteca della Assl Olbia con la collaborazione delle sezioni Avis: oggi l’équipe di medici e infermieri sarà presente a Palau, mentre domani (17 aprile) si fermerà ad Arzachena. Giovedi 23 aprile, invece, l’autoemoteca farà tappa alla Maddalena, domenica 26 a Santa Teresa e, infine, martedì 28 aprile si fermerà nella piazza del municipio di Olbia. (s.p.)



WsStaticBoxes WsStaticBoxes