La segnalazione

Porto San Paolo, installato un capannone sul mare per la festa di nozze di un membro della famiglia reale saudita

di Serena Lullia

	(Foto Gruppo Intervento Giuridico)
(Foto Gruppo Intervento Giuridico)

Nella super villa di 500 metri quadri estesa su un ettaro e mezzo è stata realizzata una struttura bianca alta sei metri

23 maggio 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Porto San Paolo Una villa padronale super lusso con vista sull’isola di Tavolara. 500 metri quadrati su un ettaro e mezzo con 13 stanze, sette bagni, una piscina, uno spazio da utilizzare come eliporto, campi da tennis. Un membro della famiglia reale saudita non ha badato a spese per la festa di nozze con la sua amata.

La super residenza a Cala Finanza, nel comune di Loiri Porto San Paolo è nel portfolio della Brilas Living in luxury immobiliare. È stata presa in affitto per tre mesi, il tempo necessario per definire ogni dettaglio del party a cinque stelle in programma a metà giugno. I ben informati parlano di 450 invitati tra cui reali e capi di Stato. E di un concerto finale con una star internazionale.

Per paura che gli ospiti non ci stessero tutti nella riservata villa di Cala Finanza, è stata realizzata una struttura bianca. Esteticamente il capannone di lusso non è proprio ben inserito nel contesto paesaggistico della villa immersa nel verde, con l’isola di Tavolara come quinta naturale. Sono in corso gli accertamenti dei vigili per verificarne la regolarità dopo la segnalazione del Gruppo di intervento giuridico.

Nella mattina di oggi, 23 maggio, il sindaco Francesco Lai ha mandato una pattuglia della polizia locale per un sopralluogo. La struttura alta sei metri, per essere considerata in regola deve essere amovibile e temporanea. «La legge prevede che per realizzare strutture temporanee per eventi, concerti e matrimoni non servano permessi edilizi – spiega il sindaco Lai -. Sono in corso gli accertamenti della polizia locale per verificare che si tratti di un capannone amovibile e temporaneo». 

In Primo Piano
Il risiko aeroporti

La Regione vota contro la fusione di Alghero e Olbia, apertura di F2i: «Quattro mesi per trattare»

Le nostre iniziative