La Nuova Sardegna

Olbia

Area marina protetta di Tavolara

Ormeggio abusivo nel paradiso di cala Brandinchi: blitz della Guardia costiera di Olbia, denuncia e sanzioni per i titolari di due società

Ormeggio abusivo nel paradiso di cala Brandinchi: blitz della Guardia costiera di Olbia, denuncia e sanzioni per i titolari di due società

Corpi morti nel fondale per tenere all’ancora una decina di imbarcazioni

16 agosto 2023
1 MINUTI DI LETTURA





Olbia Il personale della Guardia Costiera di Olbia, nell'ambito dell'operazione 'Mare sicuro', è intervenuto nella spiaggia di cala Brandinchi per liberare un vasto tratto di mare riservato alla balneazione che risultava essere occupato abusivamente da natanti di proprietà di due Società operanti nel campo della locazione. L'occupazione abusiva veniva perpetrata con l'utilizzo di corpi morti infissi sul fondale al quale era ormeggiata una decina di natanti per il tramite di cime e catene; tutto ciò, oltre a impedire la libera fruizione delle acque riservate alla balneazione, risultava di forte impatto ambientale in una delle spiagge più rinomate della Sardegna orientale e dell'Area Marina Protetta di Tavolara - Punta Coda Cavallo. L'intervento dei militari della Guardia Costiera, in collaborazione con il personale dell'Area Marina Protetta, ha comportato la rimozione e il sequestro dei corpi morti, una comunicazione di notizia di reato alla competente Procura della Repubblica di Nuoro per abusiva occupazione di specchio acqueo e diverse sanzioni amministrative a carico delle due Società.

In Primo Piano
La tragedia

Terribile schianto nella notte: due morti a Escalaplano. Gravi due bambini

di Gian Carlo Bulla
Le nostre iniziative