La Nuova Sardegna

Olbia

L’inchiesta

Loiri, riesumata la salma di Enrico Bacciu. La madre: Chi sa, parli»

di Tiziana Simula
Loiri, riesumata la salma di Enrico Bacciu. La madre: Chi sa, parli»

Eseguita l’autopsia in cimitero. Giuseppina Capra non crede che suo figlio si sia suicidato

12 dicembre 2023
1 MINUTI DI LETTURA





Loiri Porto San Paolo Martedì pomeriggio di ieri i cancelli del cimitero di Porto San Paolo sono stati chiusi al pubblico per consentire le operazioni di estumulazione della salma di Enrico Bacciu ed eseguire l’autopsia. A rappresentare la famiglia, gli avvocati Fabio Varone e Salvatore Meloni. Presente il sostituto procuratore Noemi Mancini. E’ la prima di una serie di attività disposte dal gip che ha riaperto le indagini sulla morte del giovane. Enrico Bacciu, 39 anni, era stato trovato privo di vita nella sua abitazione  il 4 marzo 2019. La Procura aprì un’inchiesta per istigazione al suicidio, ma il 5 marzo del 2021, venne archiviata dal gip non essendo emersi elementi per procedere.

Attraverso i propri legali, la famiglia si è opposta, riuscendo a ottenere la riapertura delle indagini. «Sono certa che tra gli amici di mio figlio, c’è qualcuno che sa la verità e non la dice perché ha paura. Chi sa cos’è successo veramente, parli». Così dice la madre, Giuseppina Capra, 68 anni, originaria di Torpè, che non ha mai creduto al suicidio di Enrico. 

Elezioni regionali 2024
Il voto nell’isola

Elezioni regionali: la proclamazione a marzo, la prima seduta del Consiglio all’inizio di aprile

Le nostre iniziative