La Nuova Sardegna

Olbia

Violenza sessuale di gruppo

Processo a Ciro Grillo e ai suoi tre amici: a giugno comincia l’esame degli imputati

Processo a Ciro Grillo e ai suoi tre amici: a giugno comincia l’esame degli imputati

Nell’udienza di oggi acquisito il materiale estrapolato dalle memorie dei telefonini di accusati e vittima

02 maggio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





 Tempio È stata un’udienza incentrata, soprattutto, sull’acquisizione del materiale estrapolato dalle memorie dei telefonini degli imputati e delle presunte vittime (chat, video, foto), quella che si è svolta oggi 2 maggio nel tribunale di Tempio, dov’è ripreso il processo a Ciro Grillo e ai suoi tre amici accusati di violenza sessuale di gruppo. In aula il consulente di parte civile che ha esposto il lavoro svolto. Sono state affrontate, poi, una serie di questioni organizzative e tecnico processuali che hanno tenuto impegnate per ore le parti, a tratti anche con discussioni animate.

È slittato invece alle prossime udienze – due le giornate in calendario, il 13 e il 14 giugno – il conferimento dell’incarico al perito che dovrà tradurre in italiano le chat che la principale accusatrice dei ragazzi si era scambiata con la sua amica norvegese dopo i fatti e numeroso altro materiale che dovrà essere indicato al perito per la traduzione. 

Ma le udienze di giugno saranno importanti soprattutto perché in quelle date – è più probabile nella seconda giornata – comincerà l’esame degli imputati che decideranno di sottoporsi alle domande del pubblico ministero, dei giudici e dei loro difensori. Saranno momenti cruciali per il processo. Attraverso l’esame e il contro esame, i ragazzi avranno la possibilità di dare in aula la loro versione dei fatti e di difendersi. Resta da capire chi di loro accetterà e chi rinuncerà all’esame.

Ciro Grillo e i suoi tre amici genovesi, Francesco Corsiglia, Edoardo Capitta e Vittorio Lauria, sono accusati di violenza sessuale di gruppo ai danni di una studentessa, allora 19enne. I fatti sarebbero avvenuti nel luglio 2019 nella casa di Beppe Grillo, in Costa Smeralda. (t.s.)

In Primo Piano
L’inchiesta

Truffa del “bonus facciate”, la Procura di Sassari chiede 53 rinvii a giudizio

di Nadia Cossu
Le nostre iniziative