Il sindaco dal giudice: scontro col predecessore

San Vero Milis, chiesto il rinvio a rinvio a giudizio per Luigi Tedeschi Maria Adelia Murru lo accusa di diffamazione. L’udienza il primo marzo

SAN VERO MILIS. Nel bilancio approvato dalla giunta guidata dall’allora sindaco Adelia Murru, stando a quanto affermato dall’attuale sindaco Luigi Tedeschi, la cifra relativa al fondo di solidarietà sociale (derivante da una quota formata dagli introiti dell’Imu, da versare allo Stato proprio per la formazione del fondo di solidarietà sociale), non sarebbe stata indicata tutta. A fronte di circa 330mila euro, ne sarebbero stati indicati 200 mila, costringendo l’esecutivo appena entrato in carica a fare una variazione nel bilancio per pareggiare l’importo mancante. Della questione Tedeschi aveva parlato durante un’assemblea pubblica, precisando che quella differenza non consentiva alla sua giunta di far fronte ad altre esigenze. La notizia venne ripresa dalla stampa locale, suscitando le ire dell’ex sindaco Adelia Murru, che aveva denunciato Luigi Tedeschi per diffamazione a mezzo stampa. Dopo la fase istruttoria, conclusasi nei giorni scorsi, è stata inoltrata al Gip la proposta di rinvio a giudizio per Tedeschi. L’udienza davanti al Gup di Cagliari è stata fissata per il prossimo 1 marzo. In quell’occasione il magistrato deciderà se rinviare o meno a giudizio Luigi Tedeschi, o se archiviare il procedimento intentato da Adelia Murru nei confronti del suo successore al vertice dell’amministrazione comunale sanverese. Tedeschi si dice tranquillo e intenzionato a lavorare. «Durante l’assemblea pubblica – dice Luigi Tedeschi – mi sono limitato a dire che l’importo indicato nel bilancio era inesatto. Quindi ho evidenziato un problema, cioè che c’era una sofferenza nel bilancio, e denunciato pubblicamente una responsabilità politica. L’opposizione, invece, ha affermato che non era così e sono stato denunciato per diffamazione a mezzo stampa». La notizia della proposta di rinvio a giudizio, secondo Tedeschi, era nell’aria. «Io penso a continuare il mio lavoro verso la comunità. I problemi del paese sono altri, e sono tanti, tutti molto più importanti di questa vicenda. Come Abbanoa, Usi civici e programmazione del territorio. Noi, in questo momento, stiamo pensando a risolvere quelli. Il resto lascia il tempo che trova. Il futuro, anche occupazionale, dei nostri giovani passa soprattutto attraverso le risposte che sapremo dare loro in quel senso. Dispiace soltanto che si pensi di risolvere le diatribe politiche nelle sedi legali e non, come sarebbe più giusto, attraverso il confronto e il dialogo».

WsStaticBoxes

Necrologie

WsStaticBoxes