Rinviato l'appello per i maggiorenni accusati dell'omicidio di Manuel Careddu

A sinistra Manuel Careddu. A destra, Christian Fodde, Riccardo Carta e Matteo Satta

Delitto del lago, il procedimento slitta alll'11 dicembre. In primo grado Fodde era stato condannato all'ergastolo, Carta a 30 anni e Satta a 16 anni e 8 mesi

CAGLIARI. È stato rinviato all'11 dicembre il processo d'appello ai tre maggiorenni accusati dell'omicidio di Manuel Careddu, il 18enne di Macomer ( Nuoro) ucciso a colpi di piccozza e di badile l'11 settembre 2018 sulle sponde del lago Omodeo ( Oristano), perché rivendicava il pagamento di un debito di 300 euro di hascisc. A causa dell'impedimento di un difensore, il presidente della Corte d'Appello di Cagliari, Massimo Poddighe, ha disposto il rinvio della prima udienza, fissata per la discussione della procuratrice generale Francesca Nanni.

In primo grado, al termine del processo in abbreviato a Oristano, era stato condannato condannato all'ergastolo Christian Fodde, a 30 anni Riccardo Carta e a 16 anni e otto mesi Matteo Satta. I tre imputati a processo, tutti poco più che ventenni di Ghilarza, sono accusati di omicidio premeditato pluriaggravato, occultamento e soppressione di cadavere. Fodde era stato indicato come l'autore materiale del «delitto de lago»; Carta è il giovane sul cui terreno di famiglia sarebbe stato ucciso e sepolto Manuel Careddu; infine Satta è accusato di aver fatto sparire i cellulari del gruppo di ragazzi per costruire un alibi.

Nella vicenda sono implicati anche due giovanissimi che all'epoca dei fatti erano minorenni: una sedicenne - quella che avrebbe avuto il debito di 300 euro con Careddu e che all'epoca era la fidanzata di Fodde - e un diciasettenne. Entrambi sono stati condannati in primo grado a 16 anni dal Tribunale Minorile di Cagliari. (ANSA).

WsStaticBoxes WsStaticBoxes