oristano
cronaca

Trivelle oggi di nuovo in azione

Si va alla ricerca delle vene di acqua calda nel sottosuolo


06 giugno 2022


FORDONGIANUS. Sono stati impiegati sistemi e strumenti all’avanguardia per localizzare una vena di acqua calda, dalle sonde elettromagnetiche utilizzate dai ricercatori dell’università di Cagliari alle termocamere montate sui droni, e alla fine l’ostinazione degli amministratori comunali ha premiato. Lunedì scorso l’oro di Fordongianus è sgorgato da 130 metri di profondità, ma già a 117 l’acqua registrava una temperatura di 38 gradi.

Oggi riprenderanno le perforazioni, che proseguiranno fino a raggiungere la profondità di circa 200 metri. Da quel momento cominceranno rilevazioni più accurate e se anche la portata idrica sarà significativa, il Comune potrà dire di aver messo una grossa ipoteca sulla concessione mineraria che sta inseguendo da svariati anni e che sarà il lasciapassare per una gestione diretta della risorsa locale e un’ottima base di partenza per sperare di attrarre investitori. Le prime risposte, però, arriveranno solo una volta completato il foro spia e quando saranno state rilevate la portata e la qualità dell’acqua. (mac)

Sae Sardegna SpA – sede legale Zona industriale Predda Niedda strada 31 , 07100 Sassari, - Capitale sociale Euro 6.000.000 – R.E.A. SS – 213461 – Registro Imprese di Sassari 02328540683 – CF e Partita IVA 02328540683


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.