La Nuova Sardegna

Oristano

La città attende il ritorno della Campana

La città attende il ritorno della Campana

Fra i tanti reperti che arricchiranno la collezione del museo giudicale, spicca certamente la Campana della Libertà, fatta realizzare nel Trecento da Ugone III, figlio di Mariano IV e fratello di...

30 dicembre 2020
1 MINUTI DI LETTURA





Fra i tanti reperti che arricchiranno la collezione del museo giudicale, spicca certamente la Campana della Libertà, fatta realizzare nel Trecento da Ugone III, figlio di Mariano IV e fratello di Eleonora d'Arborea. La campana reca un'iscrizione che è una sorta di riassunto del programma politico dei giudici oristanesi: "Per l'onore di Dio e per la liberazione della patria". Inviata decenni fa a Cagliari per essere restaurata, non è mai stata restituita, ma ora potrebbe finalmente fare ritorno a Oristano. Molte opere arriveranno dall'Antiquarium Arborense, fra queste anche il quattrocentesco Retablo di San Martino. (dav.pi.)

In Primo Piano
L’approfondimento

La trincea dei sindaci contro lo spopolamento, Nughedu San Nicolò lotta per non scomparire

di Paolo Ardovino
Le nostre iniziative