oristano
cronaca

Allagamenti e piccole frane, danni in tutta la provincia

ORISTANO. Strade trasformate in fiumi, scantinati e case al piano terra allagate, coltivazioni sommerse dall’acqua: sono gli effetti del ciclone “Poppea”, che dalla tarda serata di martedì si è...


04 novembre 2021


ORISTANO. Strade trasformate in fiumi, scantinati e case al piano terra allagate, coltivazioni sommerse dall’acqua: sono gli effetti del ciclone “Poppea”, che dalla tarda serata di martedì si è abbattuto in diversi centri della Provincia, dal Terralbese al Montiferru.

I vigili del fuoco del comando provinciale, dalla notte tra martedì e mercoledì, hanno lavorato senza sosta per rispondere a quasi sessanta richieste di aiuto da parte di chi si è trovato mezza casa allagata o per liberare le strade dall’acqua e dai detriti. Gli interventi più numerosi sono stati a Terralba dove, i vigili del fuoco sono intervenuti per liberare una macchina rimasta bloccata nel sottopassaggio che collega il centro abitato con la statale 131 e che, allagato, è stato chiuso al traffico. Dentro il paese, la forte pioggia ha fatto letteralmente saltare le fognature in alcune strade, tanto da rendere necessario l’intervento degli autospurgo.

Allagamenti anche a Marrubiu, dove, come a Terralba, il sindaco ha disposto la chiusura precauzionale delle scuole dell’obbligo, mentre sempre a Terralba, all’istituto superiore De Castro le lezioni si sono svolte regolarmente.

Allagamenti anche ad Arborea sia nelle campagne che nel centro abitato. Anche questa volta, l’intervento dei volontari con le autobotti ha permesso di riportare in breve tempo la situazione alla normalità. Anche a San Nicolò d’Arcidano e a Santa Giusta, abitanti e agricoltori hanno dovuto fare i conti con gli effetti della pioggia battente. Anche qui, sono finite sott’acqua alcune strade e scantinati. Sulla strada tra Cuglieri e Santu Lussurgiu, a causa di uno smottamento, parecchi metri cubi di detriti hanno invaso la carreggiata, creando disagi alla circolazione, rendendo necessario l’intervento oltre che dei vigili del fuoco anche di alcune squadre di operai comunali, dei barracelli e volontari. Sempre a Cuglieri ci sono stati, problemi anche nelle strade di campagna, dove una Fiat Panda è rimasta imprigionata nella fanghiglia. Fortunatamente gli occupanti della vettura sono riusciti a mettersi in salvo, ma per recuperare l’auto si è reso necessario l’intervento dei vigili del fuoco che stavano operando per liberare un’altra strada da un grosso albero che si era rovesciato sulla carreggiata.

A Ghilarza, si è allagata l’abitazione di un’anziana, mentre a Oristano ci sono stati i soliti problemi al Foro Boario dove comunque sono in corso i lavori per rimediare a questo storico inconveniente. Fortunatamente non ci sono state conseguenze per le persone in nessuna occasione, ma già da oggi partirà la conta dei danni che si annunciano ingenti. (m.c.)

Sae Sardegna SpA – sede legale Zona industriale Predda Niedda strada 31 , 07100 Sassari, - Capitale sociale Euro 6.000.000 – R.E.A. SS – 213461 – Registro Imprese di Sassari 02328540683 – CF e Partita IVA 02328540683


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.