La Nuova Sardegna

Oristano

Droga

Arborea, scoperta una piantagione di marijuana di un ettaro: arrestato un 18enne


	I carabinieri nel campo sequestrato
I carabinieri nel campo sequestrato

L’operazione dei carabinieri: distrutte 3.300 piante

14 settembre 2023
3 MINUTI DI LETTURA





Arborea Dal mais alla marijuana. Una piantagione dello stupefacente vasta oltre un ettaro e con 3.300 piantine già sviluppate, sono state individuate dai carabinieri dei reparti provinciali di Cagliari e Oristano nelle fertili campagne di Arborea. Arrestato uno studente diciottenne che la coltivava e che al momento del blitz dei militari armeggiando con l’impianto di irrigazione per dare acqua alla coltura. Trovati anche 80 chili di marijuana già essiccata e pronta per essere immessa nel mercato della droga. I carabinieri dei due comandi provinciali avevano individuato con una attività di monitoraggio nelle campagne del centro agricolo dell’Oristanese un terreno che non sembrava essere coltivato a mais come la gran parte degli appezzamenti circostanti. Sono seguite verifiche anche di carattere tecnico, svolte in concorso con lo Squadrone eliportato "Cacciatori di Sardegna" di Abbasanta ed il RIS di Cagliari. I brevi ma intensi accertamenti, coordinati dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Oristano nella persona dello stesso procuratore, hanno consentito di verificare dapprima come non si trattasse di semplice canapa da fibra, utilizzabile per finalità lecite, ma di canapa da droga e, dopo i necessari servizi di osservazione, nel pomeriggio di ieri si è deciso di intervenire. Nella circostanza è stato arrestato un diciottenne, studente del luogo, colto ad armeggiare con l'impianto di irrigazione che serviva la piantagione. Gli viene contestata la coltivazione e produzione, nonché la detenzione illecita ai fini di spaccio di marijuana. Le piante sono quasi 3.300 su circa un ettaro di terreno. “Si tratta di una varietà di canapa che non raggiunge grandi altezze – fanno sapere i carabinieri -, ma ad alto tenore di delta-9-THC”. L’intervento dei militari è stato poi esteso ad un capannone di proprietà e in uso alla famiglia del giovane, poco distante dal sito agricolo interessato, dove sono stati rinvenuti ulteriori 80 chili di marijuana già essiccata, nonché fertilizzanti e fitofarmaci necessari a migliorare la coltivazione. La piantagione è stata campionata secondo le linee guida del RIS di Cagliari che ha effettuato le prime analisi. Il tenore di THC è risultato pari a 3, 33%, ben oltre il limite comunitario massimo consentito dello 0,2 %. Dopo il campionamento, nella mattinata odierna, le piante sono state tagliate e ridotte in rotoballe, che saranno distrutte al termine dei necessari adempimenti giudiziari. Sono in corso ulteriori accertamenti volti ad individuare eventuali, altri responsabili della coltivazione. “L’operazione costituisce uno dei più rilevanti sequestri compiuti sul territorio regionale – dicono sempre i carabinieri -. Ha sicuramente inferto un duro colpo a chi avrebbe tratto grandi proventi dalla commercializzazione del prodotto, che si stima avrebbe reso già ai soli grossisti centinaia di migliaia di euro. Nella selezione genetica delle piante, come è stato accertato dal RIS, la tendenza è quella di privilegiare specie a fusto sempre più basso che si caratterizzano per essere più folte, con un tenore di principio attivo molto più alto e meno individuabili dalle forze di polizia”. (Luciano Onnis)

In Primo Piano
Monta la protesta

Agricoltori e allevatori sardi si mobilitano: il 17 giugno comincia il “mese della collera” contro i danni della siccità

Le nostre iniziative