La Nuova Sardegna

Un’enorme dolina nel Supramonte

Un’enorme dolina nel Supramonte

Il sito archeologico di Tiscali si trova sul monte omonimo, alto 518 metri, al confine tra il Supramonte di Dorgali e il Supramonte di Oliena. Sulla sommità del monte si trova un'enorme dolina...

29 maggio 2014
1 MINUTI DI LETTURA





Il sito archeologico di Tiscali si trova sul monte omonimo, alto 518 metri, al confine tra il Supramonte di Dorgali e il Supramonte di Oliena. Sulla sommità del monte si trova un'enorme dolina carsica all’interno della quale furono scoperti i resti del villaggio, costruito nel corso dell'Età Nuragica (XV/XIV - IX/VIII secolo a.C.), frequentato e ristrutturato durante l'Età Romana (II/I secolo a.C.). Con ogni probabilità il sito è stato frequentato anche nel corso dell'Età Prenuragica.

Il villaggio, che era interamente costruito lungo le pareti della dolina, non risulta visibile fino a quando non si raggiunge l’interno della cavità, attraverso un’ampia apertura nella parete rocciosa. Conosciuto e frequentato dai pastori di Dorgali e Oliena, fu visitato nel 1910 da Ettore Pais, quando si trovava ancora in ottime condizioni di conservazione. Il villaggio fu descritto e fotografato soltanto nel 1927 dall’archeologo Antonio Taramelli.

Da allora, decenni di incuria e di saccheggi hanno notevolmente danneggiato il sito che nonostante ciò rimane un luogo dall’atmosfera molto suggestiva. Nel 1999 Susanna Massetti ha effettuato i primi e sinora unici scavi nel sito per conto della Soprintendenza per i Beni Archeologici per le province di Sassari e Nuoro (fonte Wikipedia).

In Primo Piano

Video

Olbia, la città saluta Gabriele Pattitoni: in migliaia al funerale del 17enne morto dopo un incidente

L’emergenza

Ortopedie chiuse: tutti i pazienti si riversano nei pronto soccorso di Sassari e Cagliari

di Luigi Soriga
Le nostre iniziative