La Nuova Sardegna

Incertezze sulla posizione del sottosegretario Barracciu

Incertezze sulla posizione del sottosegretario Barracciu

CAGLIARI. Ora la posizione di Francesca Barracciu diventa un mistero, che soltanto la Procura potrà svelare. Il suo nome è scomparso dall’elenco dei 33 onorevoli del centrosinistra indagati per la...

31 maggio 2014
2 MINUTI DI LETTURA





CAGLIARI. Ora la posizione di Francesca Barracciu diventa un mistero, che soltanto la Procura potrà svelare. Il suo nome è scomparso dall’elenco dei 33 onorevoli del centrosinistra indagati per la tredicesima legislatura,ai quali oltre un mese fa il pm Marco Cocco ha notificato l’avviso di proroga delle indagini. In casi come questi la deduzione è automatica: significa che sull’indagato, quindi la Barracciu, l’inchiesta è chiusa. Con tre prospettive possibili: la richiesta di giudizio immediato, la richiesta di giudizio ordinario, l’archiviazione. La Barracciu però ha ricevuto due contestazioni e si è presentata all’esame col pubblico ministero soltanto per la prima, gli ormai famosi 33mila euro spesi - secondo la sua versione - in carburante, nel corso di viaggi legati a ragioni politiche. Poi l’esponente del Pd ha cambiato difensore - erano Carlo Federico Grosso e Giuseppe Macciotta, ora è Franco Luigi Satta - e da quel momento non ha più risposto all’invito a comparire della Procura, scegliendo di avvalersi della facoltà di non rispondere. Ieri mattina però la sottosegretaria ai Beni culturali ha detto in un’intervista all’emittente cagliaritana Radiolina di aver ricevuto «non più tardi di ieri» (quindi giovedì scorso) l’avviso di proroga. Segno evidente che l’inchiesta sulla sua posizione non è ancora arrivata al capolinea. Si tratta di un caso da spiegare: la decisione di non rispondere al secondo invito a comparire non ha certo contribuito a chiarire la posizione dell’ex europarlamentare, che attende di farlo alla discovery degli atti d’inchiesta. Questo porta ad escludere l’ipotesi di un’archiviazione in indagine. Ma allora perché il magistrato ha deciso di procedere contro la Barracciu al di fuori dall’inchiesta-bis, quella che coinvolge gli altri 32 onorevoli del centrosinistra? Nel riserbo assoluto opposto dalla Procura non resta che attendere i prossimi atti conoscibili dell’indagine. (m.l)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

In Primo Piano
L’approfondimento

La trincea dei sindaci contro lo spopolamento, Nughedu San Nicolò lotta per non scomparire

di Paolo Ardovino
Le nostre iniziative