La Nuova Sardegna

Cauzioni Abbanoa, i consumatori: indaghi l’Antitrust

CAGLIARI. L’Unione nazionale consumatori Sardegna ritiene illegitima la richiesta fatta dalla società idrica Abbanoa agli utenti perché versino un deposito cauzionale (che due terzi dei sardi ha già...

23 novembre 2014
1 MINUTI DI LETTURA





CAGLIARI. L’Unione nazionale consumatori Sardegna ritiene illegitima la richiesta fatta dalla società idrica Abbanoa agli utenti perché versino un deposito cauzionale (che due terzi dei sardi ha già pagato) e invita l’Agenzia per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico (Aeegsi) e l’Antitrust ad aprire un’istruttoria. Soltanto così, a suo modo di vedere, si potrà ichiarire l’applicazione delle due delibere del 2013 che lo disciplinano.

Secondo Monica Satolli, segretaria regionale dell’associazione di consumatori, la decisione del gestore unico dell’acqua è «in palese contrasto con la carta dei servizi del 2007 e non aggiornata con le nuove normative, per il collegamento ai consumi delle singole utenze, né è parametrata alla qualità del servizio». Da tempo Abbanoa ha reso noto che tutti gli utenti che aderiranno alla domiciliazione bancaria non dovranno versare cauzione. Ma l’intero sistema basato sui Mav e sui moderni Rid è stato concepito come da rinnovare , se è vero che tanti utenti che in passato avevano già consentito la domiciliazione sono stati adesso richiesti di riattivare la procedura.

In Primo Piano
L’isola a secco

Dramma siccità, a Budoni «caccia alle streghe» verso chi usa l'acqua

di Paolo Ardovino
Le nostre iniziative