C’è un nuovo decesso e altri sei casi di positività

La 120esima vittima è un uomo di 90 anni di Ossi. Eseguiti 716 tamponi

SASSARI. Una giornata in cui si registra un nuovo decesso e altri sei contagi, in una fase in cui un po’ di ottimismo stava tornando fra i sardi, ha il sapore sgradevole di un passo indietro. I tempi del numero di morti in doppia cifra, dei contagi a decine, sembrano per fortuna lontani, ma dover constatare che quel conteggio continua ad aumentare porta un poco di sconforto.

Ora le vittime del coronavirus nell’isola hanno toccato quota 120. L’ultima è un uomo di 90 anni di Ossi. Il numero dei contagiati è invece salito a 1.340. Sei in più: uno nella città metropolitana di Cagliari, uno nel sud Sardegna, uno a Oristano e tre a Sassari. Invariato il dato di Nuoro.

Non c’è un’impennata, probabilmente si tratta di variazioni fisiologiche, ma dopo una settimana senza nuovi decessi c’è la spiacevole sensazione di trovarsi in un tunnel alla fine del quale si vede la luce, ma un poco più lontana. Anche da uno controllo visivo del grafico dei contagi si vede che la curva, dopo alcuni giorni passati a oscillare fra due, quattro e un caso, ha ripreso quasi impercettibilmente a salire. Forse non c’è nulla di cui allarmarsi e semplicemente il piccolo incremento è legato al recente aumento dei tamponi effettuati sul territorio. Negli ultimi quattro giorni l’andamento progressivo è stato di 5, 6, 4 e 6 casi.

I pazienti ricoverati in ospedale sono in tutto 93, di cui 10 in terapia intensiva, mentre 422 sono le persone in isolamento domiciliare.

Il dato progressivo dei casi positivi comprende 602 pazienti guariti. C’è stato un bel balzo in avanti rispetto al giorno precedente con un aumento di ben 44 casi. A questi devono aggiungersi altri 103 guariti clinicamente.

Sul territorio, dei 1.340 casi positivi complessivamente accertati, 244 sono stati registrati nella Città Metropolitana di Cagliari (+1 rispetto all'ultimo aggiornamento), 95 (+1) nel Sud Sardegna, 57 (+1) a Oristano, 78 a Nuoro, 866 (+3) a Sassari.

I tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore sono stati 716. Un passo indietro rispetto ai giorni precedenti in cui erano stati costantemente intorno al migliaio.

Ieri la Regione ha fornito anche il raffronto tra la situazione della Sardegna e quella di altre zone italiane. Regioni che hanno una dimensione di contagio simile alla nostra sono Sicilia, Campania, Calabria e Basilicata. In questo gruppo la Sardegna è la Regione con l’incidenza di casi più alta ogni mille abitanti: 0,82. Indici più bassi per Campania (0,79), Basilicata (0,68), Sicilia (0,68) e Calabria (0,58).

Ovviamente la situazione è invece molto migliore se confrontata con Regioni che hanno avuto una diffusione del virus molto più massiccia: la Valle d’Aosta, ad esempio, ha 9,21 casi ogni mille abitanti. La Lombardia 8,21. Questo a sottolineare la differenza sostanziale tra la situazione sarda e quella di altre regioni italiane.

@Petretto. @RIPRODUZIONE RISERVATA



WsStaticBoxes WsStaticBoxes